Archivi categoria: Alpinismo

L’intervista: MARCO BERNARDI

Per ricordare ed apprezzare, ecco che rispolveriamo dalla rivista della montagna di ottobre 1992 una bellissima intervista di Roberto Mantovani a Marco Bernardi

Dalle grandi solitarie sulle pareti alpine alle short climbs delle falesie. Un cammino in discesa o, piuttosto, una strada diversa? I torinesi sono gente strana: tentazioni e fallimenti, lampi e crepuscoli, amori, riconoscimento e impegno sociale, difficilmente scivolano come in un film nella loro vita. Piuttosto si contraddicono, si urtano, compressi nei crogioli della fabbrica del mito

Marco Bernardi, trentaquattro anni (nel 1992 ndr), consulente informatico, un viso da ragazzino che denuncia a malapena l’età. Ex alpinista solitario, ex guida alpina, ex primo della classe in arrampicata libera (fino a qualche anno fa si chiamava ancora così), è stato uno degli inventori del free climbing di casa nostra e ha aperto la strada all’arrampicata sportiva va dell’ultima generazione. Persino i climber “sintetici” e i patiti dell’indoor gli devono qualcosa. A lui, però, il ruolo del maestro sta stretto ed è convinto di non avere nulla da insegnare.

Continua la lettura di L’intervista: MARCO BERNARDI

Carlo Crovella: Climbomat

In questo racconto (che risale a venticinque anni fa, ma che sembra scritto ai giorni nostri) Carlo Crovella metteva già in guardia dal rischio che la tecnologia potesse costituire il Cavallo di Troia per uno stretto monitoraggio individuale, in montagna e non solo. Il progresso tecnologico ha perfino sopravanzato le valutazioni di allora: app, Big Data, social media hanno costruito una gabbia stile Grande Fratello che, anziché evolvere la nostra esistenza, ci imprigiona tutti quanti.
(pubblicato su ALP agosto 1994 e poi confluito nel volume La Mangiatrice di uomini, Vivalda Editori, 2011)

Arrivarono alla base della parete proprio con il primo sole.

Saltarono fuori dall’automobile e, guardando in alto, concentrarono l’attenzione sul lungo diedro che costituisce il passaggio chiave della salita.

“Speriamo che sia chiodato!” dichiarò Luciano.

“E ci mancherebbe!” gli rispose Rodolfo.

Era solo una battuta scaramantica, ma sapevano tutti e due che la via era ottimamente attrezzata. D’altra parte non poteva che essere così: uno sperone di roccia saldissima, che, partendo dal parcheggio, si impenna come la prua di un transatlantico, a fianco di un coreografico ghiacciaio. C’erano tutti gli ingredienti perché la via fosse molto frequentata, quindi perfettamente attrezzata.

Continua la lettura di Carlo Crovella: Climbomat

‘Na Via c’an Pia ovvero ”Una Via Campia”

Dopo un articolo di escursionismo, uno di scialpinismo, ecco qua dall’amico ugetino Lorenzo Barbiè uno di alpinismo.
L’articolo è già apparso su Alpidoc, la rivista delle sezioni CAI del Cuneese.

E’ un omaggio al grande alpinista cuneese Matteo Campia, che aprì numerose vie, soprattutto sulle Alpi Marittime. Più modestamente io con altri otto amici abbiamo scalato la Cresta Nord-Ovest all’Asta Sottana, in uno degli angoli remoti delle Marittime. E questo è il racconto della salita.

‘Na Via c’an Pia ovvero ”Una Via Campia”

Tre cordate in contemporanea lungo una via decisamente fuori moda: la cresta nordovest dell’Asta Sottana. Un record di presenze per il quale è facile prevedere un lungo periodo d’imbattibilità.

Continua la lettura di ‘Na Via c’an Pia ovvero ”Una Via Campia”

Prima invernale via Mellano-Perego al Becco di Valsoera                 

Dopo aver vissuto la sua impresa sulla NORD DEL CERVINO nel racconto di Andrea Mellano, ecco che l’amico Beppe Castelli  ci regala un suo bellissimo contributo inedito che  racconta un’altra sua bella ed epica impresa.  Buona lettura …  

Era il gennaio del 1967 e dopo avere fatto sette prime invernali negli anni precedenti dove avevo constatato che il congelamento rimediato sulla nord del Cervino non mi aveva lasciato dei postumi che mi impedisse questa attività invernale, con gli amici Antonio Balmamion e Ennio Cristiano puntammo alla prima salita invernale dello sperone ovest del Becco di Valsoera per la via Cavalieri-Mellano-Perego molto ambita dal mondo alpinistico Piemontese e non solo.

Continua la lettura di Prima invernale via Mellano-Perego al Becco di Valsoera                 

L’arte di guardare le montagne dalla finestra di una cucina

Grazie all’amico Nino Malavenda, gestore del rifugio Vaccarone in alta Val di Susa, per questo bellissimo racconto autobiografico …

Mi piace pensare che il mio amore per le montagne sia nato “nel” mare, come le Alpi che si sono innalzate dai fondali marini.

La mia storia è iniziata a più di mille chilometri di distanza dalle Terre Alte di cui sono diventato abitante senza che nulla lasciasse presagire che un giorno avrei fatto un simile cambiamento.

É iniziata imparando a nuotare prima ancora che a camminare e poi di seguito a pescare, remare e a fare ogni altro genere di attività marina. Senza sosta estate e inverno… una passione lunga tutta l’adolescenza.

Continua la lettura di L’arte di guardare le montagne dalla finestra di una cucina

Donne e alpinismo: il valore della cordata femminile

Dopo gli importanti contributi di Anna Torretta e di Linda Cottino ecco quello dell’amica ugetina Simona Depaoli con l’estratto della sua tesi di Master del 2018 che ha per tema
              “Donne e alpinismo: il valore della cordata femminile”

[…] Nel 1909 Mary Crawford, una viaggiatrice americana, scriveva sui benefici del viaggiare in montagna: «Per una donna che svolge una vita sedentaria e passa tutto il suo tempo in ufficio, a scuola, in ospedale a dare tutte le sue energie agli altri, la montagna è l’attività migliore per conoscere se stessa come non mai. Man mano che salirà, crescerà la sua sicurezza, e quando arriverà in cima scoprirà un mondo nuovo. Guardare le cose dall’alto cambia sempre la prospettiva.» (López Marugán 2003, 21)

Continua la lettura di Donne e alpinismo: il valore della cordata femminile

Bartolomeo Peyrot, il primo italiano sul Monviso (4 luglio 1862)

Grazie all’amico Marco Fraschia, past president del CAI UGET Valpellice, per questo bellissimo racconto che ricorda l’impresa di un uomo che la storia ufficiale ha presto dimenticato.

Centocinquant’anni fa il bobbiese Bartolomeo Peyrot fu il primo italiano a salire sul Monviso accompagnando come portatore l’inglese Francis Fox Tuckett con le due guide Michel Croz di Chamonix e Peter Perren di Zermatt.
Il Cai Uget Val Pellice, per ricordare l’impresa e il personaggio, nel 2012 ha allestito una mostra e girato un film. Questo articolo ne è il dovuto completamento.

«Finalmente un buon diavolo, piccolo, ma di buona volontà, accettò di accompagnarci […]. Egli si chiama Bartolomeo Peyrotte[1] e si obbligò a rimanere con noi per quanto tempo avessimo voluto» (Francis Fox Tuckett)

Un’ora e mezza

Tanto bastò a Bartolomeo Peyrot per cambiare la sua vita ed entrare, suo malgrado, nella storia dell’alpinismo. Tanto passò tra l’arrivo in calesse a Bobbio Pellice, alle 6.30, di Francis Fox Tuckett e delle sue due guide, Michel Croz di Chamonix e Peter Perren di Zermatt, e la partenza a piedi alle 8.00 dal paese assieme a Peyrot, assoldato come portatore («il teodolite, il sacco da dormire, le provvisioni per due giorni formavano un peso davvero alquanto considerevole»[2]) alla «mercede di 2 franchi e 45 centesimi al giorno, oltre il vitto». I tre arrivavano da Torre Pellice – dove avevano pernottato all’Hôtel de l’Ours, «eccellente, pulitissimo e condotto molto bene da gente cordialissima» – raggiunta con l’omnibus in due ore e un quarto da Pinerolo. Si erano fermati due giorni a Torino, il 30 giugno e il 1 luglio, dopo un’escursione nel gruppo del Gran Paradiso e nelle valli di Lanzo. Continua la lettura di Bartolomeo Peyrot, il primo italiano sul Monviso (4 luglio 1862)

1963 Cervino parete Nord

L’amico Andrea Mellano ci fa un altro bellissimo regalo con questo articolo che narra una grandissima impresa alpinistica.

1° RIPETIZIONE ITALIANA – AGOSTO 1963

Cervino,”il più nobile scoglio d’Europa” una montagna affascinante.  La parete nord si presenta in tutta la sua imponenza a chi, arrivando a Zermatt, volge lo sguardo verso la “Grande Becca”.

Salita la prima volta   dai fratelli Schmidt nel 1931, dopo tre giorni di lotta, la parete nord del Cervino ha conservato tutto il fascino e le difficoltà originali. Giovanni Brignolo ed io la mancammo per un soffio a luglio del 1960 e fummo costretti a ripiegare, causa maltempo, alla capanna Solvay, dopo una avventurosa traversata della parete a circa 400 metri dalla vetta. Nel mese di luglio del 1961 due guide del Cervino, Bic e Pession con Piero Nava, riuscirono nell’intento di realizzare “la prima italiana” della parete.

Continua la lettura di 1963 Cervino parete Nord

Franco Perlotto: Le campane di Sant’Andrea

Anche l’amico Franco Perlotto,  alpinista scrittore e tanto di più, ci regala alcuni racconti per trascorrere piacevolmente questi momenti in cui #IoRestoaCasa  … Ecco qui il primo, buona lettura!

Franco Perlotto

Il sole picchiava a perpendicolo sulle teste ricurve degli uomini, ricoperte dai cappelli di paglia, come in ognuna delle estati degli ultimi dieci anni. Sui campi in pendenza a luglio di solito c’era poco da fare. Passato il raccolto del grano, non restava che attendere la vendemmia che lassù era comunque tardiva. Il sole era così forte in quei giorni che gli uomini furono costretti ad uscire fino al pozzo vecchio, che sprofondava per trenta metri in mezzo agli arbusti di sorgo, rinsecchiti dalla canicola. Le crepe nella terra disegnavano fulmini tra nubi marroni di un temporale che tutti attendevano come un dono del cielo. Ma in quell’estate nulla fece supporre che si volesse assopire l’angoscia dell’esasperante lentezza dell’erba che ormai non poteva più crescere. Il sudore scivolava lento dentro ai solchi scavati sui volti tesi dei montanari, oppressi dallo sforzo di caricare in schiena i tubi dell’acqua, attraverso l’arso dei campi, su fino agli orti, dove perfino le zucche avevano tentato di appassire.

Continua la lettura di Franco Perlotto: Le campane di Sant’Andrea

Accadde in settembre

L’amico Andrea Mellano ci ha regalato questo bell’articolo scritto per la rivista del CAI, Scandere, nel 1964. Un articolo già ripreso lo scorso anno da Alessandro sul suo quotidiano online Gognablog

Cosa ci vuole per compiere la scalata di una famosa parete? Innanzi tutto ci vuole la parete. E questa c’era perbacco: nientemeno che la Nord-est del Pizzo Badile.

Poi ci vogliono almeno un paio di individui muniti di una capoccia che riesca a ragionare e di gambe e braccia che al momento opportuno riescano abbastanza utili. E anche questi c’erano (forse non corrispondenti ai requisiti richiesti, ma c’erano) e non solo due ma tre, anzi, quattro. Infine una macchina super veloce, un po’ di materiale, un pizzico di fortuna, due etti di bel tempo e: «voilà», la parete è fatta. Facile no? Bene, sentite un po’ come andò a finire. Continua la lettura di Accadde in settembre