Archivi categoria: Cai Uget – Cultura

Enrico Camanni: Il Rocciamelone, un voto di settecento anni fa

Altra puntata con la pubblicazione di brani tratti dai libri dell’amico, giornalista e scrittore, Enrico Camanni …. E’ la volta di questo tratto da “Di roccia e di ghiaccio. La storia dell’alpinismo in 12 gradi”, Laterza 2013

Molto è stato scritto a proposito, e soprattutto a sproposito, della salita di Bonifacio Rotario d’Asti al Rocciamelone, nel 1358. Spesso la leggenda e la fantasia hanno prevalso sulla storia e su quei pochi documenti che certificano, e solo in parte spiegano, la seconda impresa «alpinistica» del Trecento su una cima molto più alta del Ventoso del Petrarca, e anche più impegnativa.

Continua la lettura di Enrico Camanni: Il Rocciamelone, un voto di settecento anni fa

Nuovo sito “CAI UGET CULTURA”

La finalità della Commissione Cai Uget – Cultura è quella di proporre, come sua consuetudine, momenti conoscitivi sulle tradizioni culturali – escursionistiche a 360° relative alla realtà montana e non: si allarga infatti a “terreni diversi”, quali visite a musei, concerti, serate a tema anche scientifiche, proiezioni di filmati provenienti da vari Festival di Cultura Montana e dalla cineteca CAI, presentazioni di libri e ogni altro argomento ritenuto di interesse culturale.

Visita il nuovo sito CAI CULTURA:
 ww.caiuget.it/ccc

E- Mail: cultura@caiuget.it
Seguiteci, buona lettura e buona visione.

Willy Jervis: alpinista, partigiano, eroe

Nel settantacinquesimo anno dalla Liberazione (25 aprile 1945) vogliamo ricordare un uomo, Willy Jervis,  che per questa causa per questa idea ha offerto la sua vita …
“Non piangetemi, non chiamatemi povero. Muoio per aver servito un’idea”.
Ripercorriamo questa emozionante storia attraverso l’articolo a cura di Gabriele Richetti pubblicato sul suo blog  Il vaso di Terracotta che vi invitiamo a visitare.

Una storia partigiana di alta montagna e vero coraggio.

Guglielmo Jervis era un piemontese d’adozione. Discendente da una famiglia inglese, era nato a Napoli nel 1901, si era laureato in ingegneria a Milano e aveva ottenuto un posto a Ivrea nel 1935 come Direttore della scuola apprendisti meccanici della Olivetti.

Continua la lettura di Willy Jervis: alpinista, partigiano, eroe

Il BiblioteCarlo gentile

… Poteva essere un semplice trasloco di libri, un sabato qualsiasi, per dare una mano all’amico Emilio che sta organizzando i lavori di ripulitura e decorazione della Biblioteca CAI-Uget alla Tesoriera per la futura nuova sistemazione. Sarà che la giornata di anticipata Primavera inondava di luce le stanze e il Parco, già animato di primo mattino, infondeva una sensazione di benessere sbirciando dalle finestre del primo piano, fatto sta che lo spirito era allegro e le energie positive. Mentre ci consultavamo per ottimizzare il tempo-lavoro ho percepito il “genius-loci” l’anima del luogo in una persona che fino ad allora avevo solo sentito nominare : è comparso con il suo mazzo di chiavi e ha iniziato ad aprire gli armadi il cui contenuto mi è subito apparso nel suo valore e nella sua bellezza. Volumi rilegati alla perfezione catalogati con ordine ed evidente competenza sembravano voler sussurrare e raccontare storie, riportare alla memoria ricordi, persone, date, eventi …

Continua la lettura di Il BiblioteCarlo gentile

BANFF Mountain Film Festival

l Banff Mountain Film Festival si ferma, ecco una lista di 100 film disponibili online

Articolo su :Montagna.TV

Di fronte all’emergenza coronavirus, anche il Banff Mountain Film Festival World Tour ha scelto di fermarsi e rimandare a tempi migliori le date degli eventi previsti in tutto il mondo. In Italia, al pari di Canada, USA e molti altri Paesi, il festival è al momento sospeso.

Nelle ultime ore è stata infatti diffusa una lista a cura di Lianne Caron, che ingloba ben 100 film di avventura, protagonisti del BANFF, reperibili online in maniera gratuita su Youtube, Vimeo e le maggiori piattaforme streaming.

Elenco Banff-Movie-FEstival

Ri-allestimento Biblioteca Cai Uget

Cari Amici, per chi è interessato ai lavori relativi al riordino della biblioteca, la prima prima fase  è già iniziata. 

Inoltre a breve avrà inizio la seconda fasela più impegnativa, lunga e delicata, quella della riclassificazione dei volumi con il sistema Clavis e a tal proposito chiedo l’impegno di circa 4 o 5 volenterosi che abbiano una buonissima dimestichezza nell’utilizzo del computer e, dopo una breve formazione sul programma Clavis, si dedicheranno all’inserimento nel nuovo sistema di tutti i volumi presenti in biblioteca, quasi 4000 censiti e circa un migliaio da classificare interamente. In allegato troverete il progetto biblioteca. A presto e attendo le vostre e-mail Emilio Garbellini cultura@caiuget.it

Breve Storia della Biblioteca CAI Uget – Torino

Sin dalla sua fondazione, avvenuta il 9 Marzo 1913, l’UGET si è dotato di una biblioteca e ufficialmente i primi accenni della sua esistenza sono indicati nei capitoli n° 5, n° 6 e nel n°10 del 1915, anno della prima pubblicazione nel Bollettino Storico UGET.
Da allora la biblioteca ha sempre avuto una notevole crescita con l’acquisizione di libri, cartine topografiche, bollettini sezionali e Nazionali, coprendo tutti gli argomenti relativi alla Montagna nel suo intero contesto, come ad esempio: Fauna, Flora, Geologia, Speleologia, Meteorologia, Letteratura, Sport ecc, ecc.
Proprio dalla sua esponenziale crescita, la biblioteca ha avuto e ha tutt’ora problemi di spazio per una collocazione idonea alla consultazione dei testi. Nella storica Sede in Galleria Subalpina (1931 – 2011) aveva un preciso spazio che negli anni è diventato insufficiente anche per l’inserimento della biblioteca del Gruppo Speleologico.
Nella nuova Sede, all’interno del Parco La Tesoriera, la situazione inizialmente non è molto migliorata pur avendo a disposizione alcuni mq in più a causa, soprattutto della non più idoneità degli armadi, che andrebbero totalmente sostituiti.
Attualmente la biblioteca CAI UGET dispone, dati dell’ultimo censimento e classificazione di Febbraio 2016, in allegato, di 3547 tra volumi e bollettini e vi sono ancora un certo numero imprecisato di testi e di carte topografiche da censire.
Inoltre sono presenti 432 volumi relativi ad un lascito testamentario della Prof.ssa De Marchi. A questi dati non vanno dimenticati le pubblicazione dei libri e bollettini che compongono la biblioteca del Gruppo Speleologico che consta di circa 4000 testi che pone la stessa tra le più complete nel suo settore.
Andando ad analizzare le date di pubblicazione di volumi e bollettini, per inquadrare al meglio la completezza temporale, che va dal 1866 fino al 2016 come sotto specificatamente dettagliato:

  • 1866 – 1899: n° 55
  • 1900 – 1939: n° 267
  • 1940 – 1945: n° 43
  • 1946 – 1979: n° 1345
  • 1980 – 2015: n° 1668
  • non datati: n° 169.

si denota dai dati che la biblioteca del CAI UGET dispone, considerando il periodo dal 1866 al 1945, di ben 365 testi che si possono benissimo definire pubblicazioni storiche e sicuramente tra di essi vi sono dei testi rari o addirittura unici, come la quasi completa raccolta del primo bollettino CAI UGET (1915 –1933) data la sua unicità e fragilità è stata completamente digitalizzata.
Dal dopo guerra a oggi si nota una crescita esponenziale di quasi 3000 testi a dimostrazione del grande interesse che la Sezione e i suoi Soci hanno avuto e hanno tutt’ora della loro biblioteca, che la inserisce era le più fornite del Club Alpino Italiano.


Progetto di ri-allestimento in fase di attuazione

Questo grande patrimonio culturale che la Sezione CAI UGET dispone non dev’essere assolutamente disperso o dimenticato nei bui scaffali, ma rivitalizzato, valorizzato con i dettami sanciti dalla Biblioteca Nazionale del CAI e a tal proposito fa seguito un progetto  per la totale ristrutturazione della biblioteca.
Il progetto che si sta realizzando, consta nel totale rinnovamento dei locali che va dalla pittura degli stessi con vari colori pastello, per rendere l’ambiente più allegro e consono per il suo futuro utilizzo fino al rinnovo totale degli scaffali con l’acquisto di librerie a moduli.

Nella planimetria, sono posizionati, in relazione alle dimensione dei locali, i moduli/librerie (Color marrone).In dettaglio:
Nel 1° locale, adibito a sala di consultazione/lettura e a piccoli convegni culturali, sono previsti l’inserimento di 8 Moduli con una capacità di circa 1500/1800 volumi, con una media di 200/230 volumi per modulo.
Nel 2° locale, più piccolo, adibito solamente al deposito libri e ufficio, dove sono previsti 12 moduli/librerie e l’inserimento di un PC per la gestione ordinaria della biblioteca.
Qui sotto le caratteristiche dei moduli/Librerie

Caratteristiche Libreria : Libreria con struttura in legno trattato con
mordente e vernice trasparente con ante a vetro temprato. Sono inclusi 6 ripiani regolabili con capacita max di 30 Kg cadauno.

Planimetria Biblioteca – Moduli Doppi

Per consultare o prendere in prestito i volumi, Vi attendiamo nel tradizionale ritrovo di ogni GIOVEDÌ SERA dalle 21.00 alle 22.30
Per prenotare un libro, invia una email a: biblioteca.caiuget@caiuget.it

” LA LUNA VA IN MONTAGNA ” il 4 ed il 25 maggio

…mamme e papà non fate perdere ai vostri figli, l’occasione d’incontrarsi con i loro coetanei, se hanno una età dai 6 ai 12 anni, nella Sede del Cai Uget, al laboratorio di lettura, scrittura e disegno creativi dal tema:

La Luna va in Montagna

in occasione del 50° anniversario dell’allunaggio: 1969-2019
nei sabati pomeriggio del
4 e 25 maggio
dalle ore 15 alle 18,00
…si divertiranno

Scarica la Locandina-La-luna-va-in-Montagna