Archivi categoria: scialpinismo

Lorenzo Barbiè in … Lamentazioni di un Monte

… con annessa prima salita scialpinistica (o quasi) 

Mi chiamo Grand Fond, Punta Sud e sono alta 3528 m. Ho una sorellina poco discosta, Punta Nord, che è anche un poco più bassa, 3474 m. Con queste altezze, se fossimo sorte in qualche altro punto della catena alpina, potremmo essere mete conosciute, ambite e anche invidiate. Invece eccoci qua, neglette e abbandonate, piantate su una cresta che divide due valloni, che già di loro vantano scarse presenze umane. Noi, di questa cresta, subiamo il fascino ed anche un po’ la prepotenza di quella signora montagna che sta al culmine, dominatrice incontrastata del gruppo di montagne, le Graie Meridionali, di cui si dice noi ne facciamo parte. Ne è addirittura la cima più alta. Signori miei qui sto parlando della Pointe de Charbonel, che con i suoi 3752 metri non ha rivali nel raggio di miglia e miglia. Come se non le bastasse l’altezza, riversa in ogni direzione i suoi fianchi impervi e possenti, offuscando noi miseri vassalli, che a lei sottostiamo. Sbirciando dalla mia immota posizione i fondovalle, constato che gli omini che van su e giù per i monti me li vedo normalmente percorrere, là in fondo, la Valle di Averole, e su quel monte posano sguardi perplessi e timorosi, soprattutto quelli che in tarda primavera desidererebbero calcare l’eccelsa vetta coi loro lunghi piedi. E già, perché lì il versante settentrionale si rivela in tutta la sua imponenza, lungo i quasi duemila metri che dal fondovalle raggiungono la cima. I sussurri del vento mi portano notizie di questi omini che arrancano sui suoi fianchi affrontando itinerari assai impegnativi. Occorre sapersi destreggiare nei suoi meandri, con passaggi spesso ripidi ed esposti. Alcune voci antiche narrano che questa montagna provenga da terre lontane, al di là della grande acqua; ma è solo una leggenda, credetemi.

Continua la lettura di Lorenzo Barbiè in … Lamentazioni di un Monte

Sotto le ali del Grifone

Ecco un bel regalo per queste Feste del amico ugetino Lorenzo Barbiè

Può apparire pretestuoso fare notare ciò che generalmente si trova sotto gli occhi di tutti, tanto più quando si parla di montagne per così dire “di casa”. Montagne di primo piano, non proprio altissime, ma non per questo trascurabili, anzi … Montagne di pianura, quelle che vedi non appena la foschia abbandona i tetti della città. Sono lì pronte per essere osservate, ma l’occhio irrequieto si spinge oltre a cercare la fama, il prestigio, l’altezza, l’assoluto; e allora giunge l’oblio, pochi affezionati a parte. Eppure la tradizione vuole che ogni città di pianura, a ridosso dei monti abbia la sua montagna, che spesso diventa simbolo. Allora le cittadine friulane hanno il Piancavallo, i veneti si dilettano con il Monte Grappa o il Baldo, Milano si stabilizza tra le Grigne e i dentelli del Resegone, e così via. Qui in Piemonte poi vediamo che i cuneesi della Bisalta ne fanno una bandiera. Il Mombarone e la Quinzeina si contendono gli affetti canavesani ed i saluzzesi si vorrebbero accaparrare il Monviso, tutto per loro, ma si sa, quello è protetto dall’ Unesco, patrimonio mondiale. E noi qui a Torino che diavolo abbiamo? Superga, la Maddalena, ma siamo seri lasciamo stare le colline e i montarozzi, che se andiamo di questo passo pure Copenaghen o Amsterdam hanno la loro montagna. Per carità anche loro sono degnissime alture che hanno avuto grande successo in periodi di pandemia. Continua la lettura di Sotto le ali del Grifone

NON DIVIDERE GLI AMANTI DELLA MONTAGNA

Il Club alpino italiano prende posizione dopo l’ordinanza del Governatore della Valle D’Aosta che limita l’esercizio dello scialpinismo

Proprio nel momento in cui, causa il fermo degli impianti di sci, si apre la possibilità di promuovere attività alternative, ben distribuite nel territorio e tali da evitare assembramenti di sorta, non invasive e supportate solo dalla neve vera, quella che non richiede cannoni e drenaggi di immani quantità d’acqua, in Valle d’Aosta ci si confronta con l’ordinanza 552 dell’11 dicembre del Presidente della Regione.

Continua la lettura di NON DIVIDERE GLI AMANTI DELLA MONTAGNA

Collaborazione con il LABORATORIO SCI TORINO DI RENATO ONOFRI

Bella iniziativa per Tutti i soci CAI in collaborazione con Renato Onofri, che ha una quarantennale esperienza nel settore,  ed il suo storico laboratorio di Torino specializzato in preparazione e riparazione di sci da scialpinismo e da pista… e non solo!

Via Polonghera, 36 – 10138 Torino
Tel.: 011 447 2984
Tel.: 346 129 0909
Sito web: https://www.facebook.com/skilabtorino/

Sconto del 10% a tutti i soci CAI

 

Carlo Crovella: Piccole donne crescono

La stesura originale di questo racconto risale alla metà degli anni Novanta, anche se è confluito nel libro “La Mangiatrice di uomini” del 2011. In questo testo Crovella affronta il tema della crescita femminile in montagna: la realtà ha compiuto passi da gigante e, sui monti, oggi non c’è quasi più differenza di genere. Ma chi ha attraversato i decenni dai Settanta in poi riconoscerà gli stati d’animo e le situazioni descritte, con la peculiarità che si tratta di uno dei rari testi di narrativa riferiti a discese di sci ripido.

Piccole donne crescono (racconto tratto dal volume La Mangiatrice di uomini, Vivalda Editore, Torino 2011)

Quando il sole lo lambì di striscio, Lolus (come lo chiamavano gli amici, da Carolus) era già salito oltre la metà del canale innevato. Il freddo era ancora pungente, come capita in certe giornate di giugno, più invernali che estive. Continua la lettura di Carlo Crovella: Piccole donne crescono

Lorenzo Barbiè: 4 X 2600

Mentre  #IoRestoaCasa ma certamente #andràtuttobene, l’amico Lorenzo Barbiè ci ha regalato un altro racconto di una sua bella “impresa”: buona lettura!

Il titolo non è un bizzarro quiz matematico bensì è la sintesi di un’idea che ha preso piede. Qualche volta le idee bizzarre fanno capolino e propongono alcuni obbiettivi, esse agiscono come tarli nel corso del tempo. E’ così che, per parafrasare in maniera minimalista e con una certa dose di autoironia, ho pensato di emulare coloro che tentano la salita alle cime più alte della terra, i celeberrimi 14 Ottomila. Non è che abbia la mania del collezionismo, pensandola però in tono decisamente minore mi sono messo in testa di collezionare i “prestigiosi” 4 DuemilaSei della Alpi Liguri, in giornata naturalmente e con gli sci, soluzione interessante e casalinga.
Continua la lettura di Lorenzo Barbiè: 4 X 2600

Carlo Crovella: In sci nel Gruppo del Gran Paradiso

L’amico Carlo Crovella , scialpinista di lunga data, ci fa anche questo bel regalo riproponendo un articolo sul Gran Paradiso in sci, con il giusto mix fra informazioni tecniche, culturali e storiche relative ad un massiccio che è un vero “Paradiso” per lo scialpinismo.
(pubblicato su Monti e Valli del CAI Torino nel novembre 2019)

La pubblicazione sul finire del 2018 della Toponeige Grand Paradis GPA (cui segue proprio ad aprile 2020 l’edizione italiana, grazie alla traduzione di Deborah Bionaz, valdostana di Lillaz presso Cogne, NdR), a cura della Casa editrice Volopress di Grenoble, ha rimescolato dentro di me antichi ricordi e nuove emozioni, facendomi vibrare nel profondo.
Continua la lettura di Carlo Crovella: In sci nel Gruppo del Gran Paradiso

Carlo Crovella: Prima e dopo

L’amico Carlo Crovella ci fornisce questo racconto ambientato nel bacino dell’Argentière (Monte Bianco) durante la stagione scialpinistica. Crovella, già Direttore della Scuola SUCAI, per diversi anni è stato anche istruttore presso la Scuola di scialpinismo dell’Uget. Da qualche tempo si dedica alla divulgazione degli aspetti più profondi e ideologici dell’andare in montagna (con o senza sci), nell’ambito di una complessiva attività editoriale che è iniziata nei primi anni ’80.

Nella recente intervista a me rilasciata e pubblicata su Gogna Blog il 6 marzo 2020, Roberto Aruga (coautore dell’Aruga-Poma) ha fatto un interessantissimo accenno al tema “scialpinismo e racconto”.

Lo spunto di Roberto ha smosso in me antichi ricordi: sono andato a recuperare alcuni racconti ambientati in contesti scialpinistici. Si tratta di scritti risalenti alla prima metà degli anni ’90. Come tutta la nidiata dei miei testi di fiction di montagna venuta alla luce in quel particolare periodo, si tratta di testi che costituirono il mio passaggio ai racconti di narrativa dopo una lunga militanza dalla stesura di articoli tecnici (relazioni e monografia, sia alpinistiche che scialpinistiche (attività quest’ultima iniziata nei primi anni ’80 e proseguita senza soluzione di continuità fino ai nostri giorno).

Continua la lettura di Carlo Crovella: Prima e dopo

Storie di scialpinismo mite di Enrico Galasso, per gli amici “Cavùr”

Chi non conosce o non ha incontrato Cavùr? quel simpaticone che ancora oggi si presente alle gite della Scuola come si vestiva negli anni ’90, ancora oggi rinnova solo la felpa, rigorosamente del Toro, quello che – quando c’è – parte sempre con il primo gruppo e arriva con … non infierisco più, in questi ultimi anni si è velocizzato, anche perché si è dotato di attrezzatura leggera…
Bene, Cavùr ha raccolto in un libricino, che allego, le relazioni che negli anni ha scritto, con passione, raffinate, divertenti, mai noiose, un maestro!
Una buona lettura in questi giorni in cui #STIAMOACASA!
Dario, Diretùr
Continua la lettura di Storie di scialpinismo mite di Enrico Galasso, per gli amici “Cavùr”

Enrico Camanni: il desiderio d’infinito

Proseguiamo con la pubblicazione di brani tratti dai libri dell’amico, giornalista e scrittore, Enrico Camanni …. E’ la volta di questo tratto da “Il desiderio di infinito. Vita di Giusto Gervasutti”, editore Laterza 2017

Primavera torinese
Nei primi mesi del 1933 i taccuini di Gervasutti registrano molto sci alpinismo, soprattutto nel Vallese. Spiccano un tentativo alla Dent Blanche naufragato in un mare di neve e l’haute route del Cervino dalla Valtournenche alla Valpelline.
Continua la lettura di Enrico Camanni: il desiderio d’infinito