Archivi categoria: soci

La Fessura Obliqua

Eccola lì, signori miei, sguisciante verso l’alto come un ramarro gigantesco, che si arrampica con fare astuto su per strapiombi che cercano di impedirle l’uscita sui pianori di erba, querce e carpini: là dove il verticale diventa orizzontale, con buona pace di coloro che in qualche modo si aggrappano ai suoi appigli fino allo scherzetto che si paleserà, dulcis in fundo.
Continua la lettura di La Fessura Obliqua

Progetto Cai Cultura, una nuova veste per il periodico del Club alpino italiano

Al via un grande progetto di rilancio per le aree culturali del Club alpino italiano deliberato dall’Organo di indirizzo e controllo: il Consiglio centrale. Un’attività che punta alla qualità e all’approfondimento e prevede come primo passo la revisione del periodico “Montagne360” con passaggio a bimestrale e la nomina a Direttore editoriale di Marco Albino FerrariIl Club alpino italiano sta approntando un attento e profondo rinnovamento sul piano della produzione culturale. Come spiega il nuovo Direttore editoriale nonché responsabile delle attività culturali Marco Albino Ferrari, le diverse anime del Sodalizio entreranno in armonia tra loro per dar vita a un grande progetto sistemico e coordinato di rilancio mirando alla qualità e all’approfondimento.

Dal prossimo anno il periodico cartaceo Montagne360 tornerà bimestrale, con il nome La Rivista del Club Alpino Italiano e con un nuovo Direttore responsabile: Andrea Greci. Il primo nuovo numero sarà disponibile nel mese di marzo 2023.
La rivista presenterà più pagine dell’attuale, una rilegatura in brossura e si orienterà sui grandi temi del momento, con reportage, inchieste e articoli monografici affidati a firme della cultura e del giornalismo. Un prodotto destinato ad essere collezionato, anche per la particolare attenzione che verrà data alla grafica e alle immagini d’autore.

La scelta, dettata dall’indiscutibile aumento dei costi di carta ed energia, vuole guardare al futuro: il passaggio a bimestrale permetterà di mantenere una pubblicazione amata dai lettori riducendone l’impatto ambientale. I soci potranno infatti decidere all’atto del tesseramento se ricevere il periodico in formato cartaceo o digitale, andando quindi a produrre le sole copie richieste, dimostrando con questo piccolo gesto un’attenzione all’ambiente che il Club sta ponendo in primo piano con la nuova presidenza. Infine sarà garantita la continuità di temi e firme rispetto a Montagne360 grazie al mantenimento della medesima redazione.

«Con il passaggio a bimestrale, considerando anche l’aumento dei collaboratori operativi, i costi ordinari per la nostra rivista passeranno da 1.4 milioni di euro nel 2021 a meno di 1.2 milioni nel 2023. Siamo certi che i lettori comprenderanno questa scelta che permetterà ai soci di poter usufruire di un prodotto di livello senza dover aumentare la propria quota di tesseramento. Il Consiglio centrale e la Presidenza hanno intrapreso con responsabilità questa via che speriamo possa permetterci di operare in ambito giornalistico ancora per molti anni, ponendo al centro il primo articolo del nostro Statuto», commenta il Presidente generale Antonio Montani.

Nel mese di gennaio 2023, i soci riceveranno nelle proprie case “un assaggio”: un fascicolo che illustrerà per intero il nuovo progetto soffermandosi sulle novità a partire dalla Rivista senza però tralasciare Lo Scarpone online, cinematografia, editoria, piattaforma e-Learning, podcast e Web tv.

«Il Cai vive le stagioni che cambiano, investendo nuove energie e professionalità per migliorarsi e diventare sempre più la casa di tutti gli italiani che amano la montagna», afferma il Direttore editoriale Marco Albino Ferrari.

Ringraziamo pertanto i lettori che in questo momento di cambiamento avranno la pazienza e la voglia di confrontarsi con noi per migliorare insieme e guardare al futuro.

Articolo tratto da Lo Scarpone 29/11/22

Come creare una filiera del legno di qualità in Piemonte?

Venerdì 2 dicembre alle ore 21 nel nostro salone UGET verranno presentati i risultati di Traccialegno, il Progetto pilota fortemente voluto dalla Regione Piemonte e finanziato mediante il PSR 2014-2020 (Misura 16, Operazione 16.2), per superare la mancanza cronica di materia prima certificata di qualità a km 0. Continua la lettura di Come creare una filiera del legno di qualità in Piemonte?

Dal Gruppo Alta Montagna al Club 4000

C’era una volta
ci piace cominciare questa storia come iniziavano, un tempo, le fiabe che si raccontavano ai bambini …… C’era una volta a Torino il GAM, (Gruppo Alta Montagna) glorioso Gruppo della Sezione UGET del Club Alpino Italiano. Era stato fondato nel 1946 e si spense nel 1981. Ricorrono oggi perciò nel 2022 i quarantauno anni dalla sua scomparsa……
Mercoledì 23 novembre alle 21 nel salone UGET vogliamo raccontare questa storia con alcuni dei suoi protagonisti per poi dare seguito con la storia del Club 4000, nato nel 1993, che riunisce gli alpinisti che hanno salito almeno 30 vette delle Alpi superiori ai 4000 metri sulle 82 dell’elenco ufficiale UIAA. Continua la lettura di Dal Gruppo Alta Montagna al Club 4000

In edicola MERIDIANI MONTAGNE “Sassolungo e Val Gardena”

La nuova monografia è in edicola ed alla Libreria La Montagna da giovedì 3 novembre con il calendario 2023.

Meridiani Montagne è la rivista di montagna e di cultura alpina più diffusa e amata in Italia. Ogni monografia accompagna con passione alla scoperta delle più belle cime dell’arco alpino, un territorio che custodisce molteplici identità culturali, ambientali, naturalistiche ed etnografiche, tradizioni e storie senza tempo. Ogni numero di Meridiani Montagne presenta in modo esaustivo la meta senza tralasciarne il percorso storico e antropologico e affrontando tutti i modi di viverla: l’alpinismo, l’escursionismo, le passeggiate, la cucina, i libri.

“SASSO LUNGO E VAL GARDENA” Continua la lettura di In edicola MERIDIANI MONTAGNE “Sassolungo e Val Gardena”

Il CAI UGET Torino piange Valter Cantino

Nel pomeriggio siamo stati raggiunti da una tristissima notizia: la scorsa notte è mancato, per un malore improvviso, Valter Cantino, il nostro presidente del Collegio dei Revisori.

Valter aveva 61 anni ed era professore ordinario di Economia aziendale all’Università di Torino. Nella sua prestigiosa carriera universitaria era stato rettore dell’università di Scienze Gastronomiche dal 2008 al 2011, Direttore della scuola di Amministrazione Aziendale dell’Università di Torino dal 2003 al 2011 e poi del dipartimento di Management dell’ateneo dal 2012 al 2018.

Ma per noi era soprattutto un amico con il quale si condivideva la grande passione per la montagna.
Di Valter non potevi che apprezzare le spiccate doti umane e professionali.
Era socio del CAI UGET Torino dal 1985 e ricopriva la carica di revisore del conti dal 2017.

Il presidente, il consiglio direttivo, i revisori, i delegati e Tutti i nostri Soci si stringono con affetto alla sua famiglia per la dolorosa perdita.

Ciao Valter, riposa in pace!

Per coloro che volessero porre l’ultimo saluto a Valter Vi comunichiamo che:
– giovedì 13 ottobre 2022 – ore 19.30 – si terrà la veglia funebre ed il Santo Rosario
– venerdì 14 ottobre 2022 – ore 10 – si terrà il Funerale
Le cerimonie si terranno presso la parrocchia Madonna del Rosario (Sassi) – P.zza G. dalle Bande Nere nr. 20 – Torino

Foto gita del 20/02/2022 Costa Serena da Planaval con la Scuola di Scialpinismo corso SA1 2022

Attività ed esplorazioni estive 2022 del nostro GSP

Nel mese di agosto il nostro Gruppo Speleologico Piemontese ha svolto le proprie ricerche in diverse zone del massiccio Marguareis-Mongioie. L’attività principale è stata ai Laghi della Brignola, ed ha interessato la parte settentrionale dell’area del Monte Mongioie e ha portato una nuova grotta nei pressi di Cima Brignola (per adesso senza nome) fino ai 150 m di profondità, con possibilità di prosecuzione. Altre cavità minori sono state trovate e posizionate, oppure riviste.

Continua la lettura di Attività ed esplorazioni estive 2022 del nostro GSP