ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA – giovedì 21 marzo 2019 – ORE 20,30 

ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA

Tutti i soci sono invitati a partecipare all’Assemblea Generale Ordinaria che si terrà in prima convocazione il 20 Marzo 2019 alle ore 8,30 e in seconda convocazione GIOVEDI’ 21 MARZO 2019 ALLE ORE 20,30 presso LA SEDE CAI UGET IN CORSO FRANCIA 192 – TORINO

Ordine del Giorno:
1. Nomina Presidente e Scrutatori;
2. Elezione dei Componenti del Consiglio direttivo (1), Delegati (5) e Revisore dei Conti (1): apertura delle votazioni;
3. Approvazione Verbale Assemblea 5 aprile 2018;
4. Commemorazione dei Soci defunti;
5. Consegna Distintivi ai Soci che festeggiano 25, 50 e 60 anni di associazione al CAI;
6. Approvazione Bilancio Consuntivo 2018;
7. Relazione morale del presidente;
8. Chiusura delle votazioni e proclamazione degli eletti.

Il bilancio consuntivo ed il verbale dell’assemblea del 5 aprile 2018 saranno esposti nella bacheca della Sede a partire da mercoledì 6 marzo 2019 e nel salone la sera stessa dell’assemblea. 

Per eventuali chiarimenti prendere appuntamento con la Presidenza.”

****************

La candidatura relativa alle cariche di cui al punto 2. può essere presentata da ciascun socio maggiorenne e in regola con il pagamento del tesseramento dell’anno in corso.

In essa il socio dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità, “di non avere riportato condanne per un delitto non colposo e di non avere interessi diretti o indiretti nella gestione del patrimonio associativo sociale” e allegare un breve curriculum che sarà messo a disposizione della Assemblea.

La candidatura, sottoscritta dall’interessato, dovrà pervenire presso la sede sociale entro il 13 Marzo 2019. Un fac simile del modulo sarà disponibile in Segreteria o sul sito scaricando il seguente file: CANDIDATURA 2019

****************

Per partecipare all’Assemblea i soci UGET dovranno essere muniti di tessera CAI con Bollino 2019.

I soci che non potessero partecipare personalmente trovano in Segreteria o sul sito, scaricando il seguente file:Delega Assemblea21.3.2019 , copia della delega da utilizzare.

Qualsiasi informazione ulteriore sarà tempestivamente pubblicata su www.caiuget.it

On line il sito del “Sentiero Italia CAI”

Su sentieroitalia.cai.it il Club alpino italiano mette a disposizione informazioni e aggiornamenti sulle 368 tappe che uniscono il Paese dalla Sardegna alle Alpi e sugli eventi programmati quest’anno per celebrare la presentazione dell’itinerario. Inoltre storia, news e consigli utili per le percorrenze.

E’ on line il sito del Sentiero Italia CAI (http://sentieroitalia.cai.it/), con il quale quest’anno il Club alpino italiano presenta l’itinerario escursionistico più lungo del mondo, 6880 km “di grande bellezza”. Da mesi centinaia di volontari del Sodalizio sono impegnati nella revisione e nel recupero di un percorso che collega tutte le regioni italiane, con il fascino, la cultura, l’arte e le tradizioni dei loro territori interni. “Con il Sentiero Italia CAI vogliamo unire il Paese intero in un grande abbraccio, attraverso la percorrenza a piedi degli straordinari territori che possiamo scoprire non appena si abbandona la strada asfaltata“, afferma il Presidente generale Vincenzo Torti. “Sarà un percorso escursionistico, un’avventura da vivere zaino in spalla, che non toccherà solo le cime, ma anche la media montagna, fatta di borghi e natura, il cuore e l’anima della nostra Italia”.


Sul sito, spazio innanzitutto alla descrizione delle 368 tappe che uniscono le Alpi agli Appennini e, idealmente, alle catene montuose delle isole, riprendendo, in diversi casi, i tracciati di importanti vie sentieristiche già esistenti (sulle quali è stata posta una segnaletica uniforme), come la Grande Traversata delle Alpi in Piemonte,
l’Alta Via dei Monti Liguri, la Grande Escursione Appenninica in Toscana ed Emilia-Romagna e il Sentiero del Brigante in Calabria.
Per ognuna di esse, di pari passo con le attività di ricognizione e ripristino dei volontari CAI sul terreno, sono previsti: una scheda tecnica (con lunghezza, dislivello, tempi di percorrenza e rilievo altimetrico), il tracciato scaricabile in vari formati, una descrizione paesaggistica e le strutture ricettive sul percorso o nelle vicinanze. Nella sezione “Lavori in corso” vengono pubblicati gli aggiornamenti su sistemazione della segnaletica, percorribilità del sentiero, posti tappa e quant’altro sia funzionale alla fruizione. Le altre sezioni riguardano la storia del Sentiero Italia CAI, con le vicende di chi ha scritto le pagine più significative dalla sua ideazione negli anni
’80, gli eventi che le Sezioni e i Gruppi regionali del CAI organizzeranno quest’anno in tutta Italia per promuoverlo e i consigli utili per affrontare le varie tappe. Il Sentiero Italia CAI è anche sui social network, con pagine e profili dedicati su Facebook, Instagram, Twitte r, Flickr e Youtube.
Ideato nel 1983 da un gruppo di giornalisti escursionisti, riuniti poi nell’omonima Associazione, il Sentiero Italia diventa ora “CAI” grazie all’indispensabile contributo delle centinaia di volontari che che ne hanno individuato e verificato nel dettaglio il percorso, i posti tappa e la segnaletica. Il concatenamento dei sentieri che formano il Sentiero Italia CAI attualmente è quasi completamente segnalato con i colori bianco e rosso e la dicitura “S.I.”.

Mappa Sentiero Italia S.I.

Una montagna di foto!

1° Concorso Fotografico edizione 2019

Premessa L’obiettivo con il concorso è di promuovere la documentazione, attraverso la fotografia, delle nostre attività sezionali. Il concorso è rivolto a tutti gli amanti della montagna, soci CAI, che vogliono immortalare con uno scatto un momento felice, un’emozione, un ricordo.

Categorie:
✓ Persone e volti
✓ Il paesaggio montano
✓ Flora e fauna montana
✓ Architettura montana e ambiente
✓ Emozioni nell’azione
Termini di presentazione delle foto:
-10/04/2019 1^ sessione
-10/08/2019 2^ sessione
-30/11/2019 3^ sessione

Dettagli :

Commemorazione il 19 gennaio 2019 di “GUIDO ROSSA, OPERAIO, SINDACALISTA ed ALPINISTA”

(foto A. Biancardi)

GUIDO ROSSA, OPERAIO, SINDACALISTA, ALPINISTA
Quarant’anni fa le Brigate Rosse assassinavano Guido Rossa. Il ricordo in una commovente rievocazione nella sede del CAI Uget a Torino il 19 gennaio 2019.

Grande commozione tra i numerosissimi presenti al ricordo di Guido Rossa, nel quarantennale della sua uccisione da parte delle Brigate Rosse il 24 gennaio 1979 a Genova.

Era presente la figlia Sabina Rossa, che, insieme al pronipote Paolo, con parole pacate e forti hanno rievocato quei giorni terribili, quando Guido Rossa, lasciato solo a testimoniare contro un fiancheggiatore delle BR, subì la più prevedibile e tremenda vendetta dei brigatisti.

Attorno a Sabina si sono stretti in tanti presso la sede del CAI Uget alla Tesoriera a Torino, per onorare una grande figura di uomo prima che di sindacalista e di alpinista. La rievocazione ha visto l’intervento di tanti amici e compagni di cordata del suo periodo torinese (tra cui Corradino Rabbi, Franco Ribetti, Ugo Manera, Andrea Mellano, Piero Malvassora e Beppe Castelli), che ne hanno fatto un ritratto poco oleografico ed anche divertente.

Un toccante filmato della CGIL di Pescara, del 2009, ha scandito le tappe più importanti della vita e dell’esperienza di Guido Rossa. Ma è stata soprattutto la lezione di storia di Enrico Camanni quella che ha magistralmente tratteggiato Guido Rossa alpinista nella Torino degli anni ’50-’60, non solo grande scalatore ma anticipatore di quella rivoluzione culturale e anticonformista che si incarnerà negli anni successivi nel Nuovo Mattino di Giampiero Motti, e nel suo celebre “I falliti”.

Due attori, Francesco Micca e Lucia Giordano di Faber Teater, hanno letto brani scelti della “lettera a Ottavio Mastrenta” del 1970, uno dei pochi scritti di Guido Rossa, ma altamente significativo, a testimonianza della profonda crisi di identità da lui vissuta, quando auspicava di “scendere al piano” e si augurava di essere “liberi da quel vizio di quella droga che da troppi anni ci fa sognare e credere semidei o superuomini chiusi nel nostro solidale egoismo, unici abitanti di un pianeta senza problemi sociali, fatto di lisce e sterili pareti, sulle quali possiamo misurare il nostro orgoglio civile, il nostro coraggio (…), dove possiamo dimenticare di essere gli abitanti di un mondo colmo di soprusi e di ingiustizie…”.

A tutti i presenti è stato distribuita una pubblicazione curata dalla Biblioteca Nazionale del CAI, che comprende, oltre alla lunga lettera a Mastrenta, il commosso discorso di Massimo Mila del 1982, quando fu posta una targa commemorativa presso la palestra di roccia al Palavela di Torino; inoltre, il capitolo su Guido Rossa da ALPI RIBELLI di Enrico Camanni (Laterza 2016) e l’articolo di Carlo Moriondo su “Stampa Sera” e Rivista Mensile del 1979.

Una mattinata intensa, che ha avuto come coronamento la ri-scoperta della targa – avventurosamente ritrovata da Andrea Mellano dopo la rimozione dal Palavela – in una delle sale del CAI Uget, col sottofondo delle note della Montanara cantata dal Coro CAI Uget.

Tra le autorità presenti, che hanno portato il loro saluto, il Presidente Generale del CAI Vincenzo Torti, il Presidente CAI Piemonte Daniela Formica, il Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Nino Boeti ed il Vicesindaco di Torino Guido Montanari.

Molto apprezzata l’organizzazione perfetta a cura del CAI Uget (Presidente Roberto Gagna), e del CAI Torino (Presidente Gianluigi Montresor).

Chi desiderasse ricevere la pubblicazione GUIDO ROSSA OPERAIO, SINDACALISTA, ALPINISTA può richiederla a: biblioteca@cai.it.

«Non c’era niente da fare. Per capire mio padre, il suo carattere, la sua personalità e in definitiva anche le sue scelte, non si può prescindere dalla sua passione per la montagna» Sabina Rossa, figlia

Locandina: Guido Rossa 19 gennaio 2019

Diario della :Commemorazione_Guido_Rossa

Articolo: Guido_Rossa_l’operaio_che_scalava_le_vette

Album fotografico della giornata:  https://photos.app.goo.gl/yFgFwFy4soANd5Ri7

Tesseramento Cai Uget 2019

Caro socio,  dal 1° novembre è iniziato il tesseramento 2019 ed è quindi possibile acquistare il bollino per il nuovo anno.

Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento sul trattamento dei dati personali, quest’anno tutti i soci sono tenuti a firmare la relativa liberatoria. Ricordiamo a coloro che intendono rinnovare tramite bonifico bancario che, oltre al pagamento, devono inviare alla segreteria l’apposito modulo, compilato e sottoscritto, che per comodità trovate qui (sia per soci maggiorennirinnovo 2018 – socio che per soci minorenni: rinnovo 2018 – minore).

Il modulo è comunque disponibile sul sito della Sezione (http://www.caiuget.it/cai/la-sezione/iscrizioni/) oppure può essere richiesto direttamente alla segreteria.
Ringraziamo per la collaborazione e la disponibilità e vi salutiamo cordialmente.
***
Segreteria Cai Uget Torino Corso Francia, 192 – Parco della Tesoriera 10145 Torino tel. 011.537983 fax 011.4121786
www.caiuget.it PEC: uget.torino@pec.cai.it 

322.022 Soci: mai così tanti nella storia del CAI

Continua la lettura di Tesseramento Cai Uget 2019

Cercasi Volontari per manutenzione Sede

Quest’annuncio è rivolto a Soci Cai che potrebbero mettere a disposizione qualche ora del proprio tempo.
La nostra sede, il nostro rifugio Tesoriera, ha spesso bisogno di interventi manutentivi. Per chi oltre alla passione per la montagna ha conoscenze, capacità, passione ma soprattutto un po’ di tempo da dedicare è benvenuto … anche un piccolo ma costante aiuto sarà molto importante.

I volontari, coordinati dal nostro responsabile Beppe Gavazza, potranno impegnarsi in alcune delle seguenti attività:
gestione riscaldamento;
gestione degli impianti (antintrusione, elettrico, idraulico);
gestione opere murarie (tinteggiatura e muratura);
falegnameria (mobili, infissi, serrature);
altre piccole manutenzioni.

Se ancora non hai avuto modo di conoscerci nelle nostre varie attività sociali, ti avviso che verrai accolto in un ambiente familiare ed amichevole, fatto di persone animate da un forte spirito di condivisione per la passione della montagna, convinte altresì che anche i piccoli gesti di aiuto contribuiscono a migliorare se stessi.
Se sei disponibile vieni a trovarci in Sede durante gli orari di apertura della segreteria, oppure scrivi a caiuget@caiuget.it o telefona al numero 011.537983.

Grazie, un cordialissimo saluto!
Il tuo presidente Roberto Gagna

I nostri Rifugi e Bivacchi

La sezione si occupa di due rifugi:

Rifugio Monte Bianco in Val Veny

 

 

Rifugio Guido Rey in Val di Susa.

 

 

 

Gestisce inoltre quattro bivacchi:

Mentre per soggiornare nei rifugi gestiti ci si attiene alle tariffe di soggiorno del rifugio stesso, i bivacchi non hanno delle vere e proprie tariffe, vanno dal gratuito all’offerta libera,  una volta si era soliti lasciare la cassetta delle offerte, ma purtroppo recentemente sta accadendo che venga scassinata.  Indichiamo però un codice IBAN dove chi ha avuto modo di apprezzare questi bivacchi può mandare un’offerta:

CAI Uget Torino IT 59 P 03268 01199 052858480950
BIC CODE (SWIFT) SELBIT2BXXX

Buone gite!