Torino Spiritualità

Anche quest’anno si svolgerà a Torino dal 24 al 27 settembre il Festival di Torino Spiritualità, presente in città fin dal 2005. Il programma prevede una folta serie di eventi, come sempre in parte gratuiti in parte a pagamento, che si svolgeranno in varie sedi. A causa dell’emergenza Covid le modalità di accesso saranno regolate, come accade ormai per tutte le manifestazioni, da una rigorosa normativa di sicurezza. Il tema è quello del RESPIRO, in termini ampi e filosofici ma anche collegabili agli eventi drammatici che ci hanno coinvolto quest’anno.

Continua la lettura di Torino Spiritualità

Per non dimenticare… Genova per noi

Parafrasando il titolo di una bellissima canzone di Paolo Conte, vi segnaliamo che il prossimo 3 agosto verrà inaugurato il nuovo Ponte di Genova, al quale si assegnerà il nome di San Giorgio. L’opera è stata realizzata in tempi straordinariamente veloci  dal gruppo Webuild e da Fincantieri, su progetto di Renzo Piano.
– Il 27 luglio l’Orchestra di Santa Cecilia e il Maestro Pappano eseguiranno ai piedi del Ponte un concerto – inaugurale ma anche commemorativo della tragedia del 14 agosto 2018 – con musiche di Barber e Beethoven.

Il ponte consta di 18 pilastri e 19 campate, ed è lungo 1067 metri. Hanno lavorato, per circa un anno e mezzo, più di 1000 persone, sette giorni su sette, ventiquattr’ore al giorno, lavorando in parallelo su venti minicantieri.
– Le metodologie di progetto e le tecnologie impiegate rappresentano il livello più evoluto dello stato dell’arte in tema di costruzione di grandi infrastrutture.
– Il breve video che segue spiega in modo molto efficace e coinvolgente le fasi realizzative del ponte. Le immagini sono accompagnate da qualche didascalia in lingua inglese. – Un caloroso augurio, dunque, a questa fondamentale parte di Genova che rinasce: ci piace ricordare, in quest’occasione, che in un passo del celebre Gabbiano di Cechov un personaggio afferma che “Genova è la più bella città del mondo”.

Accedi al video

Giulia Maria Crespi

E’ scomparsa Giulia Maria Crespi, decana degli ambientalisti italiani e fondatrice del FAI “Fondo Ambiente Italiano“. Imprenditrice e autrice, partecipò anche alla proprietà del Corriere della Sera, il primo quotidiano nazionale. La sua famiglia era imparentata con i proprietari della fabbrica di Crespi d’Adda, meta di una visita al villaggio operaio, per ora virtuale, di Cai Uget Cultura nel 2020, che riproponiamo insieme all’ecomuseo Adda di Leonardo da Vinci.

Video a cura del FAI Channel
Continua la lettura di Giulia Maria Crespi

Il complesso ecclesiastico di Cantoira

Vi segnaliamo la presentazione del 145° volume della Collana editoriale della

Una testimonianza alpina

Il complesso ecclesiastico di Cantoira dall’XI al XXI secolo

Un libro di Adriano Olivetti, con una nota di Claudio Bertolotto su

Le decorazioni pittoriche e gli arredi dell’oratorio della Confraternita di Santa Croce

Cantoira (TO), chiesa parrocchiale dei Santi Apostoli Pietro e Paolo

Domenica 19 luglio 2020, ore 16

Continua la lettura di Il complesso ecclesiastico di Cantoira

Il Legnanino a Torino

Venerdì 3 luglio 2020 alle ore 17 sul canale YouTube della Direzione regionale Musei Piemonte, si è tenuta la videoconferenza “Il Legnanino a Torino”: pittori lombardi per Palazzo Carignano e Palazzo Falletti di Barolo. Un percorso tra pittura di figura e architettura, nel segno della mitologia, a cura di Marina Dell’Omo, con introduzione di Chiara Teolato, direttrice di Palazzo Carignano, ed Edoardo Accattino, Palazzo Falletti di Barolo. Un’occasione per approfondire la conoscenza dell’opera di Stefano Maria Legnani, detto il Legnanino, interprete del gusto barocco nelle due residenze torinesi.

Accedi alla video conferenza

La dott.ssa Marina Dell’Olmo storica dell’arte e Socia Cai Uget – Torino è già stata nostra ospite in videoconferenza sul nostro Sito con una interessante lezione sulla Pittura Barocca del Verbano a cura della rete museale Alto Verbano che qui sotto riportiamo.

Un invito a visitare un nostro museo “nascosto” e forse un po’ dimenticato

Il Museo di Antropologia ed Etnografia, attualmente è chiuso, in corso di riallestimento custodisce collezioni molto eterogenee costituite nel corso del Novecento. Il nucleo fondante è composto da reperti antropologici egizi (mummie, corpi imbalsamati e scheletri) a cui si aggiunsero una collezione di Art Brut e raccolte etnografiche provenienti da diverse parti del Mondo e molto altro ancora.

Accedi al viaggio virtuale

Al museo di Antropologia ed Etnografia è collegata la mostra

Lo sguardo dell’antropologo

allestita all’interno del Museo Egizio dal:

13 giugno al 15 novembre 2020.

LEGGI TUTTO