Archivi categoria: Varie

Il CAI e l’Ambiente

INTRODUZIONE: la pubblicazione di questi volumi rappresenta il momento conclusivo di un lavoro corale intenso, partecipato e trasversale che ha visto impegnati non solo i membri della Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano, ma anche e soprattutto molti Soci, i quali hanno voluto generosamente mettere a disposizione del Sodalizio le loro conoscenze e il loro tempo….

I documenti sono consultabili ai seguenti links:

Costituisce ulteriore documento di posizione del CAI la risoluzione del Convegno Nazionale CAI “FREQUENTAZIONE RESPONSABILE DELL’AMBIENTE MONTANO INNEVATO” svolto a Trento il 2 ottobre 2021

I 6 documenti sono pubblicati sul volume IL CAI E L’AMBIENTE – I documenti di posizionamento disponibile in formato PDF a questo link

In cammino nel Parco Naturale del Monte Fenera con il Gruppo Escursionismo TAM TAM di Torino

La chiesetta di San Bernardo

Domenica 10 aprile 2022. In programma la traversata del Monte Fenera. Le condizioni meteo, il desiderio di camminare nella natura e di condividere la giornata con amici vecchi e nuovi hanno favorito le adesioni. Ci ritroviamo in 49 “caini” sul bus che ci trasporta nel Vercellese, a Bettole, frazione di Borgosesia, Bassa Valsesia. Sono poco più di 600 metri di dislivello, per una decina di chilometri, nel Parco Naturale del Monte Fenera. Numerose le grotte, rifugio nella notte dei tempi per uomini e animali. Lungo il percorso molti i pannelli didattici.

Si sale dal versante occidentale, tra i boschi di latifoglie e il sottobosco ricco di ciuffi di pungitopo, qualche anemone nemorosa, violette e tardive primule. La prolungata siccità non ha favorito la rinascita delle numerose specie floreali. Sostiamo sulla spianata antistante la grotta Belvedere, ai piedi del Rifugio GASB, che non raggiungiamo. Siamo in troppi. Superata la Grotta Tana della Volpe, il complesso della Sala del Trono e dei Pipistrelli, la Ciota Ciara e il Buco della Bondaccia, risaliamo fino alla sella. Breve visita alla Cappella di San Bernardo, 893 m. Suggestivo il punto panoramico, supportato dalle tabelle illustrative. Un ultimo strappo e siamo sulla punta Bastia, 899 m, sovrastata dalla grande croce alta una dozzina di metri.

Non siamo soli. Un socio del CAI di Varallo, Mario, che a sorpresa si è unito a noi a Fenera San Giulio, ci ha informato che è già salito il gruppo della Sezione CAI di Vercelli, mentre un altro gruppo ha scelto l’itinerario che noi percorreremo in discesa. C’è spazio per tutti. Ammiriamo il panorama sul lontano Gruppo del Monte Rosa, le vette della Svizzera e quelle della Valsesia e della Valsessera, il Mottarone. Panorama che ci è offerto dalla giornata tersa, anche a causa del vento che provoca baffi di neve all’orizzonte. Sotto di noi, a ovest, Borgosesia con quello che rimane del fiume Sesia, in alcuni punti una desolata distesa di sassi. In lontananza verso est, offuscata dalla caligine, l’immagine di una guglia, San Gaudenzio?, e un gruppo di grattacieli, Milano?. Non abbiamo il binocolo, lasciamo il tutto all’immaginazione. Lo spuntino ci ritempra.

Scendiamo dal versante orientale, tra lo sfacelo provocato dagli elementi nell’autunno del 2020. Questo a ricordarci la fragilità dell’ambiente, sempre più grave a causa dei cambiamenti climatici in corso, e la nostra difficoltà a porvi rimedio. Imponenti castagni divelti dalla furia del vento espongono enormi radici avvinghiate al poco terreno disponibile in questo ambiente calcareo. Importante l’opera di risanamento e ripristino dei sentieri e della segnaletica del CAI. Scendiamo superando i resti delle antiche cave dismesse e raggiungiamo lo spiazzo antistante la Casa del Parco. L’esemplare del taragn, antica costruzione rurale adibita a fienili, ricovero di animali e attrezzi agricoli, è ancora privo della sua copertura di paglia di segale. Un pastore maremmano, al di là dello steccato controlla questo grande gruppo da lontano. Quando nota movimenti improvvisi, si avvicina a fare il suo dovere. Le chiacchiere al sole sono piacevoli. Oggi non sono mancate e ce le concediamo ancora un poco. Superiamo la Chiesetta dell’Annunziata e un grande canneto e raggiungiamo l’autobus in località Fornacione.

La sosta a Grignasco in gelateria è gratificante, per noi e per il gestore. Rientriamo a Torino presto, c’è chi pensa alla partita da godere con calma, chi domani tornerà al lavoro non è stressato. I parchi e i viali sono gremiti in questa bella giornata di sole.

Sarebbe un bellissimo ritorno alla quasi normalità post Covid se non ci fosse la guerra, che ci fa ritornare alla triste realtà….

Daria e Beppe

Il gruppo Escursionismo TAM del CAI UGET Torino e del CAI sezione di Torino

Il gruppo TAM in vetta al Monte Fenera

Ultima iniziativa escursionistica nel 2021 del Gruppo ESCURSIONISTICO TAM

DOMENICA 7 NOVEMBRE 2021

ESCURSIONE IN VAL MAUDAGNA(CN) con pranzo in compagnia

Partenza da Serro (frazione di Frabosa Soprana-CN) 853 m – Arrivo presso le Grotte del Caudano, 750 m – Dislivello circa 200 m – Durata complessiva ore 2,30 – Difficoltà E – Gita in autobus. Partecipanti una quarantina.

Direttori di Gita: Beppe Borione (ASE-ORTAM) – Daria Fava (ASE-ORTAM)
Continua la lettura di Ultima iniziativa escursionistica nel 2021 del Gruppo ESCURSIONISTICO TAM

Progetto di Monitoraggio Ambientale

Invito ad aderire al progetto di monitoraggio promosso dal COMITATO DIRETTIVO Regione Piemonte (CDR) in collaborazione con la CITAM (Commissione Interregionale Tutela Ambiente Montano) composta da Operatori TAM e soci CAI competenti in materia ambientale, che si occupano di tutela del territorio montano attraverso azioni di informazione e monitoraggio di situazioni critiche e dell’educazione ambientale rivolta a giovani ed adulti) della Liguria Piemonte e Valle d’Aosta (LPV) .

Continua la lettura di Progetto di Monitoraggio Ambientale

Pulisci e corri

A Rimini, la settima edizione di “Keep Clean and Run”, che quest’anno si è svolta lungo il tracciato della Linea Gotica, con un percorso di 417 km e 37.000 metri di dislivello.

Keep Clean and Run. Pulisci e corri. Non è per l’anglofilia imperante che il nome è in inglese, ma perché rientra nella campagna lanciata nel 2014 dall’Unione Europea, Let’s clean up Europe, un insieme di eventi di pulizia dai rifiuti abbandonati, che si svolgono in contemporanea nel nostro continente.
Roberto Cavallo, eco-maratoneta impegnato anche per mestiere in attività ambientali, la declina alla sua maniera, correndo su lunghe distanze. In questo 2021, per la 7a edizione in 7 tappe, ha scelto la Linea Gotica: 417 km con 37.000 metri di dislivello lungo il confine-baluardo innalzato dai tedeschi nel 1944 sugli Appennini, dal Tirreno all’Adriatico, per difendersi dalle forze alleate che risalivano l’Italia da sud. Luoghi simbolici, di liberazione e di pace, e anche di triste memoria come Sant’Anna di Stazzema e Marzabotto.

CONTINUA SU: https://www.loscarpone.cai.it/pulisci-e-corri/

Servizio civile nei Parchi per giovani tra i 18 e i 28 anni


Il CAI TAM nazionale propone un’esperienza di servizio civile nei Parchi d’Italia (durata tra 8 e i 12 mesi nel 2021 e il 2022), una occasione formativa per giovani CAI interessati all’ambiente e alla sua salvaguardia. Scadenza per la presentazione delle domande lunedì 8 febbraio 2021 alle ore 14. Ulteriori informazioni su: https://www.serviziocivile.gov.it/ .

I giovani tra i 18 e i 28 anni hanno l’opportunità di partecipare a uno dei nove progetti che si terranno nelle aree protette italiane, muovendosi nella natura e impegnandosi nella tutela. Dettagli su: https://www.loscarpone.cai.it/servizio-civile-universale-nei-parchi-italia/

Continua la lettura di Servizio civile nei Parchi per giovani tra i 18 e i 28 anni

BIANCA COME LA NEVE

Testo e foto di Dante Alpe: Qui il suo sito Web: http://www.dantealpephotonatura.com 

In inverno è totalmente bianca, con soltanto la punta delle orecchie di colore nero, ma con il rialzo delle temperature e la neve che cade sempre più tardi e in quantità minore, il suo mimetismo è sempre meno efficace. E avere una folta pelliccia con temperature elevate può divenire controproducente…È dedicato alla lepre variabile il primo scatto scelto da Dante Alpe, il fotografo che ci regalerà uno scatto ogni mese, accompagnadoci per tutto questo 2021. 

Continua la lettura di BIANCA COME LA NEVE

SARÀ PER NINO CHIOVINI IL PRIMO PARCO LETTERARIO DEL PIEMONTE


Una iniziativa promossa dal Parco nazionale Val Grande e che vede come protagonista Nino Chiovini: verbanese, partigiano, uomo di alti e fermi ideali, svolse un ruolo fondamentale nella cultura del Verbano nella seconda metà del Novecento.

Scorcio panoramico sulla Val Grande (foto T. Farina); a destra, Nino Chiovini
Continua la lettura di SARÀ PER NINO CHIOVINI IL PRIMO PARCO LETTERARIO DEL PIEMONTE