Tutti gli articoli di Il Diretur

2.a uscita, 09.02.2020: traversata della Punta Saurel

Nel calcio si dice che quando un modulo funziona è bene non cambiarlo, come il famoso e versatile 4-2-3-1 dell’ Inter di Mourinho o della Juventus di Allegri (nota bene, l’unico dei moduli che non contemplava Mazzarri al Toro, e ora capiamo il perché di tante cose … lo dico da tifosa granata!).

Ebbene, la prima cosa che ho imparato alla scuola di Alpinismo del CAI UGET è proprio che, qui, è tutta un’altra cosa.

Se alla Pitre de l’Aigle il modulo dato da: “700m dislivello, istruttori propensi alla didattica, incedere soft” (ogni riferimento alla prima relazione del mitico Cavùr è puramente casuale 😉 ) era stato alla portata delle nostre forze, la seconda uscita CAI regala invece il brivido dello stravolgimento di campo, del “cambio modulo” in favore di Cima Saurel: “1020m dislivello, istruttori propensi a pregare che ogni allievo arrivi in cima, ed incedere grintoso” – Luca Berta batte traccia con passo da bersagliere.

E così se Cavùr rimpiangeva, nella prima relazione, quelle vecchie scritte con stile eroicomico e dal canovaccio standard come nella filmografia di Bollywood… ecco che la seconda uscita ci regala un tuffo nel passato.

La partenza è da Bousson: felicissimo portage iniziale con scarponi ai piedi e annesso rischio volo su ghiaccio, che già ci mette tutti alla prova (come nei migliori film d’azione potremmo dire che “è solo l’inizio!”); i nostri istruttori si trasformano in cercatori d’oro: si prega per un po’ di neve su cui poter far “scorrere” gli sci, almeno in salita con le pelli!

La lunga strada verso la meta è resa però davvero piacevole dal bel sole che ci accompagna, dalla compagnia dei “compagni di sventura” e dal panorama di ampio respiro che davvero molto spesso regala dei WOW (il più delle volte non detti, ma solo pensati, perché – si sa – bisogna conservare il fiato! 🙂 )

Capanna Mautino e i suoi 2100m sanno alquanto di tentazione: al profumo di polenta e spezzatino che arriva dalla cucina, si pensa a disertare! Bella la soddisfazione della cima – per carità -, ma vuoi mettere una bella sosta lì… così facciamo tornare in auge anche il “dato tecnico” delle “mangiate pantagrueliche” che sempre il buon Cavùr ricordava nella sua prima relazione.

Ma chi si ferma è perduto… e così, dritti alla meta. 

Un po’ alla spicciolata…finalmente arriva Cima Saurel con i suoi 2451m: eccola lì la “visione dell’arrivo”, del dislivello macinato e della strada percorsa! Tutti sopravvissuti al momento e pronti alla discesa, da un altro versante, perché -ormai l’abbiamo capito- il brivido è il nostro mestiere e l’ignoto ci appartiene!

Ultimo sforzo è la prova didattica della ricerca artva: la suspance, anche qui, non è mancata, soprattutto nel gruppo di Aldo che, ad un certo punto, ha provato l’ebrezza di rimanere solo sulla montagna, a scavare mezzo vallone nel tentativo di ritrovare il dispositivo del proprio istruttore (nuovo di zecca, per di più!) che risultava “proprio lì” … eppure “lì”, non c’era mai! (Cavùr, non era spento l’artva ma ti assicuro, ci siamo divertiti come quella volta! 😉 )

Le piste di Claviere ci portano veloci al piazzale dei pullman, dove ci aspetta la solita abbuffata – questo sì un classico – che rimette al mondo tutti dopo una seconda uscita importante, che fa mettere benzina nelle gambe e ci ricorda (con le parole di saluto a fine gita del nostro mitico Diretur)  che “il meglio deve ancora venire”! 🙂

Cristina

Cristina con Cavùr

Il percorso di salita:

Ora vai allo slide-show, 110 foto tra le più belle ricevute:

DSC_1320

1.a uscita, 26.01.2020: Pitre de l’Aigle

Prima uscita della Scuola, corso 2020.

Abbiamo le foto!

Ora per vedere lo slide-show clicca sulla foto:

A5

Inizio da dove avevo terminato. Dallo splendido weekend del 13-14 aprile 2019, con l’accoppiata Gran Vaudala ed Entrelor. 3.200  m di dislivello in due giorni, il record della Scuola di Sci Alpinismo Cai Uget in 55 anni.. ed io c’ero… 😊 (c’ero anche sabato, alla peggior sconfitta del Toro in 113 anni di storia…. ma non divaghiamo). 

La settima uscita dell’altr’anno ci aveva regalato un’accoppiata sontuosa; parto da lì, perché la prima uscita del corso di solito non rende giustizia di quel che seguirà, ed è giusto che i nuovi allievi (benvenuti!!) sappiano che grandi soddisfazioni li attendono. Gli scenari saranno ben più appaganti della Pitre de l’Aigle da Borgata che ci ha impegnato domenica; certo, le gite si faranno via via più impegnative dei 700 m di dislivello percorsi, ma si sarà messa benzina nelle gambe, e la tecnica si sarà affinata. E – si spera – la neve sarà più gratificante di quella trovata in questa discesa: dura, soprattutto in alto, battuta dai passaggi precedenti; ma non è andata malissimo, per brevi tratti c’era perfino qualche oasi di farina….

Comunque, dicevamo, andatevi a leggere la relazione dell’uscita Gran Vaudala + Entrelor, conservata nel ricco archivio del sito della Scuola; l’impresa è stata magnificamente cantata da Andrea. Percepite la goduria di quel week end, e, con l’occasione, traete spunti, perché a qualche neofita toccherà stendere le prossime relazioni (io, per tradizione, mi smazzo la prima…). 

E fare le relazioni delle gite, ragazzi, mica è facile come un tempo… Una volta gli ingredienti della relazione (pubblicata su di un glorioso, ma tristanzuolo bollettino cartaceo), avevano un canovaccio standard, come i film di Albano e Romina, o la filmografia di Bollywood (lui, lei, il cattivo, balli e musica): la gita era narrata con stile eroicomico, condito con qualche dato tecnico ed immancabili riferimenti a mangiate pantagrueliche in piole remote.  Un uso corretto del congiuntivo era un buon titolo di merito per l’articolista, ma non essenziale.

Oggi, mica basta più… bisogna spremersi le meningi, cercare lo spunto ad effetto. Andrea ha fatto una cronaca simpatica, frizzante, di gran ritmo e notevole penna, con un tocco di originalità, inserendo link a brani musicali… proprio carina l’idea di associare la scarpinata ad una colonna sonora! Mi piacerebbe raccogliere la sfida, ma io come cultura musicale sto sottozero… Ognuno ha il suo backround… al Liceo che mi ha lasciato in dote il soprannome con cui mi firmo, poco si suonava e molto si veniva suonati… sono cose che segnano… Sarà per questo che i miei rimandi sono alla  Gerusalemme liberata del Tasso, in cui trovo magnificamente rappresentata la condotta di una gita di sci alpinismo.

Il saggio Capitan con dolce morso
I desideri lor guida e seconda:
…..
Gli ordina, gl’incammina, e ’n suon gli regge
Rapido sì, ma rapido con legge.
Ali ha ciascuno al core, ed ali al piede:
Nè del suo ratto andar però s’accorge.

Ecco apparir Gerusalem si vede:
Ecco additar Gerusalem si scorge:
Ecco da mille voci unitamente
Gerusalemme salutar si sente.

Ditemi se non c’è tutto! “Il saggio Capitan” che “guida e seconda” la truppa… Il Diretùr! 

(con questa captatio benevolentiae mi sono assicurato il posto bus per la stagione…)

Il “Rapido sì, ma rapido con legge” è una magistrale sintesi di tutte le lezioni che vi propineranno nell’anno.

E nell’anafora con cui i crociati salutano Gerusalemme c’è tutta la gioia dello sci alpinista per l’arrivo in cima (l’accostamento della cima a Gerusalemme, poi, è azzeccatissima… io di solito nell’ultimo tratto di salita vedo la Madonna e tutti i Patriarchi…)

Dovessi poi descrivere cosa associo alla fine di ogni gita, virerei su Dante.

E come quei che con lena affannata,

uscito fuor del pelago a la riva,

si volge a l’acqua perigliosa e guata,

così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,

si volse a retro a rimirar lo passo

che non lasciò già mai persona viva

Vedrete, quando si macinerà dislivello, come cara apparirà la visione dell’arrivo, delle macchine, della piola… e quale sarà lo stupore, voltandosi indietro, per tutta la strada percorsa…  e che tutti siano sopravvissuti..

Comunque, questa è fatta, la “prima” l’abbiamo portata a casa…

Gli istruttori, in questa salita, erano particolarmente propensi alla didattica, quindi l’incedere è stato molto soft; la discesa è stata interrotta da una ricerca Artva (ormai un classico della prima uscita) che dura una fracca di tempo….

Utile, utilissima, imprescindibile questa ricerca Artva, ci mancherebbe.. poi attori bravi e calati nel ruolo… voce narrante competente e preparata… però non prende, non appassiona… l’happy end è ormai scontato.. ci siamo divertiti un pò di più solo quella volta che si è seppellito un Artva spento…

Alla prossima!

Cavùr

Cavùr

PROVA IN PISTA – 19.01.2020

La prova in pista dei nuovi iscritti al Corso di sci-alpinismo si effettuerà domenica 19.01.20 sulle piste di Bardonecchia Jafferau.

Ritrovo a Rivoli, Corso IV Novembre, di fronte al supermercato Mercatò. Corso IV Novembre (in realtà è una via) deve essere imboccato dalla rotonda che si trova al fondo di Corso Allamano, appena superato il cavalcavia sulla tangenziale. Arrivando da Corso Allamano (o dalla tangenziale, uscita IV NOVEMBRE) alla rotonda, che si trova appena superata la tangenziale, uscire alla prima a destra. Vedi sulla pagina “ritrovi” ulteriori info.

Orario: ritrovo ore 7:30. Ad attenderci il pullman che ci porterà alla stazione sciistica.

Attrezzatura: sci da pista o da scialpinismo (quest’ultimi se in buone condizioni e con lamine che possano affrontare neve che potrebbe essere dura)

Pullman e giornaliero si pagheranno sul bus, in contanti

PRESENTAZIONE CORSI 2020: MERCOLEDI’ 4/12/2019

Mercoledì 4 Dicembre, alle ore 21, nel salone della Sede del CAI Uget Torino, alla Tesoriera, Corso Francia 192, avrà inizio la serata di Presentazione dei corsi di Scialpinismo che si svolgeranno nel 2020.

La Presentazione sarà accompagnata da immagini e filmati in tema.

L’iscrizione ai corsi potrà avvenire esclusivamente on-line a partire dal 6 Dicembre. Sul sito della Scuola, www.caiuget.it/ssa , sarà possibile (dalla mezzanotte del 5 dicembre) effettuare la pre-iscrizione compilando l’apposito modulo.

la Sede dell’Uget è nelle ex scuderie della Tesoriera:

Tutte le informazioni relative alla gestione dei corsi, alle uscite pratiche, alla didattica in sede, ai documenti necessari per l’iscrizione ed alla relativa quota di partecipazione saranno date durante la presentazione.

PROGRAMMA CORSI 2020

Qui di seguito il programma per dicembre 2019 e anno 2020:

04 Dicembre 2019, mercoledì: PRESENTAZIONE della Scuola e dei CORSI 2020.  In Sede, Parco della Tesoriera, alle ore 21

05 Dicembre 2019, dalle ore 19 apertura delle iscrizioni on line sul sito della Scuola: caiuget.it/ssa

08 Gennaio 2020, mercoledì: Perfezionamento Iscrizioni. In Sede, dalle ore 21, consegna documenti richiesti per l’iscrizione

Calendario serate didattiche e uscite pratiche
=======================================

15 Gennaio 2020 – L’attrezzatura invernale per lo sci alpinismo e consigli per la manutenzione degli attrezzi, in Sede, ore 21.15

19 Gennaio 2020 – Prova in pista con gli sci

22 Gennaio 2020 – Autosoccorso in valanga, in Sede, ore 21.15

26 Gennaio 2020 – 1.a uscita

05 Febbraio 2020 – Neve e valanghe, in Sede, ore 21.15

09 Febbraio 2020 – 2.a uscita

19 Febbraio 2020 – Cartografia, orientamento e GPS, in Sede, ore 21.15

23 Febbraio 2020 – 3.a uscita

04 Marzo 2020 – Tecnica di discesa fuoripista, in Sede, ore 21.15

08 Marzo 2020 – 4.a uscita

18 Marzo 2020 – Salute e sanità in montagna, serata in Sede, ore 21.15

21-22 Marzo 2020 – 5.a uscita, di 2 giorni, con pernottamento in rifugio

01 Aprile 2020 – Nodi e manovre di corda , in Sede, ore 21.15

04-05 Aprile 2020 – 6.a uscita, di 2 giorni, con pernottamento in rifugio

15 Aprile 2020 – Elementi di meteorologia , in Sede, ore 21

19-20 Aprile 2020 – 7.a uscita, di 2 giorni, con pernottamento in rifugio

29 Aprile 2020 – Scelta e condotta della gita, in Sede, ore 21.15

01-2-3 Maggio 2020 – 8.a uscita

10 Maggio 2020- eventuale gita di recupero

8.a uscita, 05/05/2019: Ortetti da Balme

Dannazione! Follia! Mai abbassare la guardia, mai rilassarsi!

E’ bastato un attimo di distrazione, complici Bacco ed una serena sazietà, ed ecco che ti ritrovi incastrato.

Anni di abili sotterfugi e pietose sceneggiate gettati al vento. Quando ormai ti sentivi al sicuro, ecco che il destino si compie, il Maelstrom ti inghiotte!

Con un inaspettato e plateale colpo di mano, il Diretur ti affibbia l’incarico più temuto: la relazione di fine gita.

D’altra parte, come hai potuto anche solo aver avuto l’ardire di pensare di fargliela sotto il naso?

Relatori ben più degni del sottoscritto hanno già in queste pagine descritto la mirabile potenza del raggio della morte del Diretur. Diavolo di un uomo!

E’ quindi con rassegnazione ed umiltà che proverò a redigere qualche riga a memoria dell’ultima gita del corso di sci-alpinismo del CAI-UGET 2019.

——————-

Notte fonda, appuntamenti a orari improbabili in luoghi ancor meno probabili sono ormai cosa trita e ritrita.

A questo giro niente bus. Che diamine, siamo figli del XX secolo, l’impero dell’automobile!

Raccattate masserizie e stanche ossa, proprie e degli amici e compagni, ci si avvia lungo buie statali verso Pian della Mussa, punto di ritrovo designato.

Le prime luci non illuminano uno straccio di bar aperto lungo la strada. Peggio per loro.

Al piazzale tira un vento siberiano. Aprire la portiera e scendere mi pare una pessima idea, ma tant’è.

Al riparo di un muretto pescato da una zona di guerra, uno sparuto gruppetto di istruttori e allievi confabula.

Li osservo: questa è gente tosta, che le rocce le sbriciola passandogli attraverso, mica le aggira. Roba da tana delle tigri, per chi ha presente.

Dopo circa trenta secondi di permanenza all’esterno sono colto da un certo pessimismo. In effetti, passa qualche minuto e giunge la decisione di scendere verso Balme alla ricerca di condizioni più agevoli.

Ripenso con piacere alle lezioni in cui si è detto quanto sia saggio saper rinunciare quando non è cosa.

Ecco.
Non è cosa.

Tornare a dormire non sarà certo disonorevole. Noi ci si è provato.

Purtroppo (ehm…) pare che la nuova località (frazione Cornetti) sia al momento più adatta allo sci-alpinismo, oltre che alla vita umana in genere.

Sci a spalle, scarponi attaccati in qualche modo, trolley, pollame e via, per un’oretta di portage che ci porta ad un migliaio di metri dalla destinazione, il colle sotto la cima degli Ortetti. Si calzano sci e coltelli.

Per tutelare la privacy dell’istruttore capo del mio gruppo, gli verrà assegnato un nome di fantasia: Vittorio Barella. Sapendo di poter contare sulla straordinaria condizione atletica dei suoi allievi, oltre che su di una loro naturale predisposizione alla fatica ed infine su una tecnica sopraffina, Vittorio impone fin da subito un ritmo indiavolato. Ci si fa beffe del ripido pendio aggredendolo nei punti più ardui ed uscendone con leggerezza. E’ una danza di punti e virgola e di rapide accelerazioni nel candore delle nevi, quella che ci conduce ad uno stretto canalone, dove il gioco si fa duro, e la neve sfasciosa. Divorato l’ostacolo come un dolce babà, solo un lungo piano inclinato (muro insormontabile è una definizione troppo forte?) ci separa dalla meta.

Graziosi animaletti spuntano tra le nevi lungo l’ascesa e si chiedono:
– Chi sono questi tizi? Forse una nuova specie di ungulati, che nelle loro mute variopinte salgono veloci verso le cime per la stagione degli amori?
– No, piccolo amico peloso. Essi sono sci-alpinisti. Salgono perché fa bene all’apparato cardio-respiratorio, perché amano la bellezza delle vedute e perché adorano scivolare veloci in discesa. Alcuni cercano la sfida, altri la pace, in generale sono degli squilibrati, insomma. La colorazione vivace serve ai commercianti per vendergli l’attrezzatura a caro prezzo.
-Aaah, ok. Fico! Addio, addio!

Salutato Pikachu, capisco che è il caso di rallentare un pelo per consentire un maggior afflusso di ossigeno verso il sistema nervoso centrale.

Ma ecco che vedo il Diretur di vedetta, ecco che compare il gruppo di amici. E’ fatta! Non siamo sulla cima, ma più o meno al colle sottostante (quota 2900, tricabranca…)  Va bene così. La vista spazia, la temperatura non è troppo bassa, il vento non eccessivo. Delle pessime condizioni viste poche ore prima e pochi chilometri più in là, non resta che il ricordo.

La discesa è piuttosto divertente. Neve strana, ma non traditrice. Avesse mollato ancora un po’, chissà… Io una bella bella dieci minuti di riposo in più me la sarei fatta, ma le decisioni della scuola rispettano un superiore piano infallibile, la sicurezza prima di tutto.

I tradizionali banchetti finali sono ormai sfacciati. Si sta prendendo l’abitudine di andare nei ristoranti a mangiare le cibarie che ci siamo portati da casa. Fantastico! Il prossimo passo sarà di calare sui villaggi per metterli a ferro e fuoco.

Ma tutto questo il vostro relatore lo leggerà sui giornali l’anno prossimo. Già, perché il corso 2019 è terminato, e per me e qualche altro/a è stato il fatidico terzo anno, l’ultimo possibile.

 ——————-

Tutto iniziò sotto una romantica nevicata nel bosco di Pragelato…

Stop! Vi risparmierò struggenti commiati, ma voglio sinceramente ringraziare maestre e maestri che nelle decine di giornate trascorse insieme ci hanno regalato la loro pazienza e soprattutto il loro tempo. Mica è roba che si compra al supermercato.

Certo, è chiaro che con campioni del nostro calibro la soddisfazione deve poi essere notevole!

A presto.    Riccardo

Ora per vedere lo slide-show clicca sulla foto:

G8-11