Riunione istruttori SSA

L’annuale riunione degli istruttori della SSA si terrà mercoledì 21 ottobre.

Nel corso della riunione saranno definite le modalità operative del corso 2021 e le necessarie limitazioni nel rispetto delle linee guida della Commissione Nazionale Scuole CAI.

Informazioni saranno pertanto pubblicate su questa pagina dopo la citata riunione degli istruttori.

Stay tuned!

in questi giorni di lockdown

…quando è il tempo dei ricordi…

Accadono eventi, nella vita di ognuno, che improvvisamente ci obbligano a cambiare tutto, le abitudini, le sicurezze, i nostri rifugi dal quotidiano in un presente che diventa inusuale e complesso, proiettato verso un futuro alquanto incerto. Sono momenti in cui si vive la separazione, l’allontanamento, la solitudine, o meglio, si testa la nostra capacità di bastarci, di rimanere da soli, di adattarci alle nuove dinamiche, alle nuove regole e restrizioni, ad una nuova socialità. Sono questi i momenti in cui i ricordi e quello che di bello e positivo hai vissuto ti vengono in aiuto…un aiuto a tratti un po’ malinconico e lontano, ma vivido ed intenso. Così riesci a proiettare immagini di posti visti, ne riconosci gli odori, le sensazioni che ti hanno evocato, ti immergi in quel silenzio o in quella giornata di vento e fatica, o di sole in cima alla salita, e i tuoi ricordi ti accompagnano anche nel piccolo allenamento di casa, sulla tua bici da spinning, nei tuoi momenti di meditazione e riflessione.

Torneremo a quel vento, a quel sole, a quegli orizzonti che tanto ci mancano, ma che, in realtà, serbiamo nei ricordi e che possono accompagnarci anche in questo presente così atipico e difficile. Perciò grazie a chi verso quegli orizzonti ci ha accompagnati tante volte, ci ha incitati verso la vetta, ci ha fatti fermare per osservare e preservare il ricordo. A loro dobbiamo ciò che ora può essere tanto prezioso da regalarci un sorriso, uno stato di benessere che sarebbe difficile da trovare tra le mura di casa. Teniamoci stretti i bei ricordi nell’attesa di ripartire, di nuovo liberi, curiosi, ospiti rispettosi di quella natura che ora ci esclude ma che, speriamo presto, saprà di nuovo accoglierci.

Un caro saluti a tutti,

Federica Franchino

4 marzo 2020, serata didattica annullata

A seguito delle nuove indicazioni del Governatore della Regione Piemonte in merito alla chiusura delle scuole prorogata a tutta la settimana ed a seguito delle indicazioni del Governo in merito alle raccomandazioni da osservare per ridurre il contagio, anche il direttivo della SSA ha provveduto a modificare i propri programmi come segue:

1. mercoledì 4 marzo non ci sarà la serata didattica indicata in calendario. Pertanto tutti gli allievi sono invitati a non venire in sede Uget.

2. la gita programmata domenica 8 marzo sarà effettuata e tutte le indicazioni per il ritrovo, orari e meta verranno date a mezzo e-mail giovedì 5 marzo, come pure saranno postate sul sito della SSA ( www.caiuget.it/ssa ). Chiederemo a tutti di confermare la presenza alla gita entro la mezzanotte di giovedì 5 in modo da poter organizzare in tempo i gruppi dell’uscita.

3. la gita sarà effettuata con auto proprie, no pullman per evitare affollamenti. Ci si troverà al luogo di ritrovo che indicheremo e lì si organizzeranno le auto ed equipaggi per procedere al luogo di partenza della gita.

4. la prevista lezione di mercoledì sera, “tecnica di discesa fuoripista”, sarà recuperata nella serata di sabato 21 marzo, nell’ambito della 5a gita che da programma si effettuerà su 2 giorni. 

Stay tuned, controllate mail e sito, e arrivederci a presto!

PRESENTAZIONE CORSI 2020: MERCOLEDI’ 4/12/2019

Mercoledì 4 Dicembre, alle ore 21, nel salone della Sede del CAI Uget Torino, alla Tesoriera, Corso Francia 192, avrà inizio la serata di Presentazione dei corsi di Scialpinismo che si svolgeranno nel 2020.

La Presentazione sarà accompagnata da immagini e filmati in tema.

L’iscrizione ai corsi potrà avvenire esclusivamente on-line a partire dal 6 Dicembre. Sul sito della Scuola, www.caiuget.it/ssa , sarà possibile (dalla mezzanotte del 5 dicembre) effettuare la pre-iscrizione compilando l’apposito modulo.

la Sede dell’Uget è nelle ex scuderie della Tesoriera:

Tutte le informazioni relative alla gestione dei corsi, alle uscite pratiche, alla didattica in sede, ai documenti necessari per l’iscrizione ed alla relativa quota di partecipazione saranno date durante la presentazione.

PROGRAMMA CORSI 2020

Qui di seguito il programma per dicembre 2019 e anno 2020:

04 Dicembre 2019, mercoledì: PRESENTAZIONE della Scuola e dei CORSI 2020.  In Sede, Parco della Tesoriera, alle ore 21

05 Dicembre 2019, dalle ore 19 apertura delle iscrizioni on line sul sito della Scuola: caiuget.it/ssa

08 Gennaio 2020, mercoledì: Perfezionamento Iscrizioni. In Sede, dalle ore 21, consegna documenti richiesti per l’iscrizione

Calendario serate didattiche e uscite pratiche
=======================================

15 Gennaio 2020 – L’attrezzatura invernale per lo sci alpinismo e consigli per la manutenzione degli attrezzi, in Sede, ore 21.15

19 Gennaio 2020 – Prova in pista con gli sci

22 Gennaio 2020 – Autosoccorso in valanga, in Sede, ore 21.15

26 Gennaio 2020 – 1.a uscita

05 Febbraio 2020 – Neve e valanghe, in Sede, ore 21.15

09 Febbraio 2020 – 2.a uscita

19 Febbraio 2020 – Cartografia, orientamento e GPS, in Sede, ore 21.15

23 Febbraio 2020 – 3.a uscita

04 Marzo 2020 – Tecnica di discesa fuoripista, in Sede, ore 21.15

08 Marzo 2020 – 4.a uscita

18 Marzo 2020 – Salute e sanità in montagna, serata in Sede, ore 21.15

21-22 Marzo 2020 – 5.a uscita, di 2 giorni, con pernottamento in rifugio

01 Aprile 2020 – Nodi e manovre di corda , in Sede, ore 21.15

04-05 Aprile 2020 – 6.a uscita, di 2 giorni, con pernottamento in rifugio

15 Aprile 2020 – Elementi di meteorologia , in Sede, ore 21

19-20 Aprile 2020 – 7.a uscita, di 2 giorni, con pernottamento in rifugio

29 Aprile 2020 – Scelta e condotta della gita, in Sede, ore 21.15

01-2-3 Maggio 2020 – 8.a uscita

10 Maggio 2020- eventuale gita di recupero

8.a uscita, 05/05/2019: Ortetti da Balme

Dannazione! Follia! Mai abbassare la guardia, mai rilassarsi!

E’ bastato un attimo di distrazione, complici Bacco ed una serena sazietà, ed ecco che ti ritrovi incastrato.

Anni di abili sotterfugi e pietose sceneggiate gettati al vento. Quando ormai ti sentivi al sicuro, ecco che il destino si compie, il Maelstrom ti inghiotte!

Con un inaspettato e plateale colpo di mano, il Diretur ti affibbia l’incarico più temuto: la relazione di fine gita.

D’altra parte, come hai potuto anche solo aver avuto l’ardire di pensare di fargliela sotto il naso?

Relatori ben più degni del sottoscritto hanno già in queste pagine descritto la mirabile potenza del raggio della morte del Diretur. Diavolo di un uomo!

E’ quindi con rassegnazione ed umiltà che proverò a redigere qualche riga a memoria dell’ultima gita del corso di sci-alpinismo del CAI-UGET 2019.

——————-

Notte fonda, appuntamenti a orari improbabili in luoghi ancor meno probabili sono ormai cosa trita e ritrita.

A questo giro niente bus. Che diamine, siamo figli del XX secolo, l’impero dell’automobile!

Raccattate masserizie e stanche ossa, proprie e degli amici e compagni, ci si avvia lungo buie statali verso Pian della Mussa, punto di ritrovo designato.

Le prime luci non illuminano uno straccio di bar aperto lungo la strada. Peggio per loro.

Al piazzale tira un vento siberiano. Aprire la portiera e scendere mi pare una pessima idea, ma tant’è.

Al riparo di un muretto pescato da una zona di guerra, uno sparuto gruppetto di istruttori e allievi confabula.

Li osservo: questa è gente tosta, che le rocce le sbriciola passandogli attraverso, mica le aggira. Roba da tana delle tigri, per chi ha presente.

Dopo circa trenta secondi di permanenza all’esterno sono colto da un certo pessimismo. In effetti, passa qualche minuto e giunge la decisione di scendere verso Balme alla ricerca di condizioni più agevoli.

Ripenso con piacere alle lezioni in cui si è detto quanto sia saggio saper rinunciare quando non è cosa.

Ecco.
Non è cosa.

Tornare a dormire non sarà certo disonorevole. Noi ci si è provato.

Purtroppo (ehm…) pare che la nuova località (frazione Cornetti) sia al momento più adatta allo sci-alpinismo, oltre che alla vita umana in genere.

Sci a spalle, scarponi attaccati in qualche modo, trolley, pollame e via, per un’oretta di portage che ci porta ad un migliaio di metri dalla destinazione, il colle sotto la cima degli Ortetti. Si calzano sci e coltelli.

Per tutelare la privacy dell’istruttore capo del mio gruppo, gli verrà assegnato un nome di fantasia: Vittorio Barella. Sapendo di poter contare sulla straordinaria condizione atletica dei suoi allievi, oltre che su di una loro naturale predisposizione alla fatica ed infine su una tecnica sopraffina, Vittorio impone fin da subito un ritmo indiavolato. Ci si fa beffe del ripido pendio aggredendolo nei punti più ardui ed uscendone con leggerezza. E’ una danza di punti e virgola e di rapide accelerazioni nel candore delle nevi, quella che ci conduce ad uno stretto canalone, dove il gioco si fa duro, e la neve sfasciosa. Divorato l’ostacolo come un dolce babà, solo un lungo piano inclinato (muro insormontabile è una definizione troppo forte?) ci separa dalla meta.

Graziosi animaletti spuntano tra le nevi lungo l’ascesa e si chiedono:
– Chi sono questi tizi? Forse una nuova specie di ungulati, che nelle loro mute variopinte salgono veloci verso le cime per la stagione degli amori?
– No, piccolo amico peloso. Essi sono sci-alpinisti. Salgono perché fa bene all’apparato cardio-respiratorio, perché amano la bellezza delle vedute e perché adorano scivolare veloci in discesa. Alcuni cercano la sfida, altri la pace, in generale sono degli squilibrati, insomma. La colorazione vivace serve ai commercianti per vendergli l’attrezzatura a caro prezzo.
-Aaah, ok. Fico! Addio, addio!

Salutato Pikachu, capisco che è il caso di rallentare un pelo per consentire un maggior afflusso di ossigeno verso il sistema nervoso centrale.

Ma ecco che vedo il Diretur di vedetta, ecco che compare il gruppo di amici. E’ fatta! Non siamo sulla cima, ma più o meno al colle sottostante (quota 2900, tricabranca…)  Va bene così. La vista spazia, la temperatura non è troppo bassa, il vento non eccessivo. Delle pessime condizioni viste poche ore prima e pochi chilometri più in là, non resta che il ricordo.

La discesa è piuttosto divertente. Neve strana, ma non traditrice. Avesse mollato ancora un po’, chissà… Io una bella bella dieci minuti di riposo in più me la sarei fatta, ma le decisioni della scuola rispettano un superiore piano infallibile, la sicurezza prima di tutto.

I tradizionali banchetti finali sono ormai sfacciati. Si sta prendendo l’abitudine di andare nei ristoranti a mangiare le cibarie che ci siamo portati da casa. Fantastico! Il prossimo passo sarà di calare sui villaggi per metterli a ferro e fuoco.

Ma tutto questo il vostro relatore lo leggerà sui giornali l’anno prossimo. Già, perché il corso 2019 è terminato, e per me e qualche altro/a è stato il fatidico terzo anno, l’ultimo possibile.

 ——————-

Tutto iniziò sotto una romantica nevicata nel bosco di Pragelato…

Stop! Vi risparmierò struggenti commiati, ma voglio sinceramente ringraziare maestre e maestri che nelle decine di giornate trascorse insieme ci hanno regalato la loro pazienza e soprattutto il loro tempo. Mica è roba che si compra al supermercato.

Certo, è chiaro che con campioni del nostro calibro la soddisfazione deve poi essere notevole!

A presto.    Riccardo

Ora per vedere lo slide-show clicca sulla foto:

G8-11

7.a uscita, 13-14/04/19: Vaudala e Entrelor

When things get tough. Si fa dura, ad Aprile. Tra veri o presunti impegni lavorativi, doveri coniugali e/o genitoriali, matrimoni, cresime, tentazioni enogastronomiche, previsioni meteo tanto inquietanti quanto inaffidabili, o semplice allergia a una doppia levataccia consecutiva. Insomma, la selezione diventa severa. Più di quella imposta dal Comitato Direttivo per la promozione da SSA1 a SSA2. Al terzo appuntamento con la classica gita-di-due-giorni, il nostro gruppo di indomiti registra inevitabili defezioni.

 (track: Hero, Family of the Year


The tough get going. Il primo frame del weekend è l’usuale appuntamento nel piazzale un tempo noto come Toxic Park. Uno dei luoghi più tristanzuoli del nord ovest. Forse serve a marcare più nettamente la differenza tra imbarco e destinazione. A rendere più acuto il desiderio di evasione. Funziona.
(Certo che. Ecco lo spettacolo che Torino offre ai visitatori defluiti dall’autostrada: casermoni Falchera, grattacieli corso Vercelli, McDrive, Auchan. E il massimo del kitsch, la statua della Sfinge che signoreggia al centro della rotonda. Una lacca da madamine sullo squallore periferico. Scusate, non riesco a trattenermi. Fine digressione)

Salpiamo. Il corpo assonnato cigola nell’alba subalpina, ma l’occhio scintilla di voglie malandrine. La montagna chiama, come un magnete inesorabile. Il piacere di vedere intorno a te volti amici e sorrisi ormai familiari corrobora l’ottimismo. C’è tempo per una tappa? Sicuro: ci vuole un caffè, magari un cornetto. Ma niente autogrill, non scherziamo. Abbiamo già il nostro bar totemico, lungo la statale della Vallèe, non ricordo il nome, ma è perfetto, prepara cappuccini alla curcuma, must have, e soprattutto cheap: tutto a 1 euro.

Imbuchiamo la Val di Rhemes, il morale lievita con l’altitudine, tornante dopo tornante.
(track: 50 million year trip, Kyuss

La gita di oggi, ancora lo ignoriamo, appartiene alla categoria “no pain, no gain”. 21 km complessivi. Una mezza maratona non esattamente indicata per chi è reduce da una settimana di orari coatti, lavoro sedentario e abitudini malsane. Niente di estremo, per carità. Solo un estenuante sviluppo orizzontale, che significa lunghi “traversi”, una metronomica tortura per caviglie, stinchi e malleoli, insomma tutto ciò che sta compresso nello scarpone.
Partiamo baldanzosi, ovvio, incoraggiati dal dolce pendio che scricchiola sotto le nostre lamine foderate in pelle. Destinazione Rifugio Benevolo, nome antifrastico per un rifugio CAI che non ama i gruppi CAI, segnatamente le Scuole di Sci Alpinismo. Lo ricambiamo, girando al largo. Laggiù, a sud ovest, occhieggia il Vallone della Vaudala, che in breve si apre lasciando intravedere la nostra meta: Grand Vaudala. Si prende quota dapprima dolcemente, persino troppo, tra un saliscendi di gobbe. Poi il pendio diventa ripido, scatenando l’istinto killer del peraltro diretùr, il quale impone un’andatura da tappone dolomitico.

(track: The Badge, Pantera
https://open.spotify.com/track/3HO3nXKWRhvkibVvsONrle?si=HEJeIXl8RD2hFYz8QWDvPA)

Gli incauti che cercano di resistergli arrivano in vetta parecchio provati. E con troppo anticipo: mentre si attende il resto del gruppone, contemplando la sagoma regale del Gran Paradiso, quel che non ha fatto la salita lo completa il wind chill, surgelando energie ed entusiasmi. Beati gli ultimi, insomma.
Discesa dal versante nord-ovest (mi pare): neve superba in alto, poi da “interpretare”. In basso ci attendono i traversoni della mattina, da ripercorrere in senso inverso. L’alternativa sarebbe rimettere le pelli per guadagnare quota. Mozione respinta, con sollievo che immagino collettivo. Meglio i traversoni. Molti di noi già sognano doccia, leccornie e cervogia, non necessariamente in quest’ordine. Io mi accontenterei di sfilare gli scarponi, qualcuno deve avermi conficcato un chiodo nelle tibie.

(track: I want to go to the beach, Iggy Pop
https://open.spotify.com/track/3Jeyxi4v6n8VakOmiG4TPf?si=fOg-zy3DSHmSGsdSbosncg)

La Valle di Rhemes ha due, diciamo, capoluoghi: St. Georges e Notre Dame. La Val di Gressoney, per dire, ha St. Jean e La Trinitè. Una regione devota, la Vallèe.
Rhemes Notre Dame (fa un certo effetto, stasera, scrivere “Notre Dame”) è dove passeremo la notte. L’Hotel Galisia, dopo la randonnée odierna, ci sembra il Plaza. Ok, manca l’incanto del Rifugio degli Angeli: ma vuoi mettere il disincanto di avere acqua corrente, calda per di più, e un letto con lenzuola?
A cena viene servito il tipico menu locale ammazza vegani, in quantità tali da coprire il fabbisogno calorico di una settimana normale. Ma oggi abbiamo bruciato, cazzo se abbiamo bruciato. Terminata la crapula, si è fatta una certa. Il paese non offre molto, quanto a vita notturna. In alta montagna si tende a fruire del buio in termini spenti e orizzontali. A nanna, ragazzi. Domani ci aspetta l’Entrelor, che suona come Everest. Ma sopra di noi, il cielo valdostano trafitto di costellazioni promette un’altra giornata colorata d’azzurro.

(track: This Lullaby, Queens of the Stone Age https://open.spotify.com/track/2txYQHjhRTZx6ur9f15LEa?si=WrbGsiP8StOdSx7nSLftqQ)

“Suppongo che andiamo all’Everest perché – in una parola – non possiamo farne a meno”, diceva George Mallory, pragmatico come tutti gli alpinisti e concreto come un vero figlio d’Albione, “chi rifiuta l’avventura corre il rischio di inaridirsi”.

Il nostro Everest, la nostra avventura, oggi si chiama anticima dell’Entrelor (l’ho già detto, si), una sgambata di 1.700 metri di dislivello. Lasciamo il paese poco dopo le 7. Si sale, sci in spalla, attraverso un ripido bosco di conifere. Portage inevitabile, ma proficuo. Acquistiamo quota rapidamente, scaldiamo i muscoli. Fa un freddo becco. L’inverno incompiuto ha ancora in serbo qualche colpo di coda. Uno di questi ci tende l’agguato all’uscita del bosco, dove la pendenza digrada per raccordarsi con il Vallone di Entrelor, soffia un vento caimano. Ripariamo al vicino Rifugio delle Marmotte. Altro che Benevolo. Qui ci accolgono come vecchi amici e un bicchiere di tè che è un vero salvavita. Ripartiamo con il termometro che segna -10, sempre in compagnia di Eolo. La neve a quota 2200-2300 ha la consistenza del marmo. Laggiù, in fondo al vallone, un’ipotesi di sole illumina la nostra meta. Sembra lontanissima. È bellissima. Andiamo a prenderla.

(Track: Goose Snow Cone, Aimee Mann
https://open.spotify.com/track/76BshcT59ADyckxGhwXhNc?si=M_08BSOtQCWenk5zh30yAA)

Attraversiamo il vallone mantenendo una leggera sinistra orografica, fino a un colletto pianeggiante. Qui scatta la giornata dell’orgoglio femminile: Francesca Restano guadagna la testa del gruppo, diventa capobranco e trova un passo che mette d’accordo tutti, i belli con i brutti. In breve, seguendo una traccia evidente come una pista da bob, risaliamo ripidi pendii, pieghiamo a sinistra in direzione della cresta spartiacque e poi a destra per uscire finalmente in vetta, a quota 3.397.

Il vento si è posato, l’aria è secca, energizzante, allegra. Intorno a noi, un’assemblea di giganti. Gran Paradiso, Ciarforon, Monciair, Tresenta, Bioula, Herbetet, Grivola, Gran Nomenon. Qualcuno si schermisce sdegnoso dietro nubi paffute. Se rinasco, voglio dare il nome a una montagna.

(Track: Serenade in E major, II, Antonin Dvorak
https://open.spotify.com/track/6HGzj1FMXVBAi2AtBCbhCQ?si=_XVQsIqaRiOhTf2vIAN7XQ)


Per buona parte della discesa, il vallone di Entrelor ci regala emozioni sopraffine. C’è gloria e polvere per tutti, o quasi. Gemiti di piacere e barbarici “yawp!” echeggiano tra l’aspre rupi mentre ariamo coscienziosamente il pendio. Troviamo qualche tratto di crosta, ma è poca roba, non c’è rosa senza spina.
In basso, in compenso, la neve ha mantenuto quasi la consistenza marmorea del mattino. Un ultimo sforzo di quadricipiti e siamo in vista del rifugio. Sono le 14, come previsto da Sergio Bandini. Diavolo di un ingegnere.

(Track: Land of 1000 dances, Wilson Pickett

Siamo attesi da una polentata terrificante e facciamo onore al cuoco. Il rifugio Delle Marmotte è gestito da volontari dell’Operazione Mato Grosso. Gli incassi dei pasti e dei pernottamenti coprono le spese e l’utile va nelle casse dell’OMG, per sostenere le attività svolte in Sudamerica a favore dei bisognosi.
Sono ragazzi e ragazze che dedicano al rifugio il tempo libero. Scenderanno stasera, dopo di noi. Hanno turbina idroelettrica e pannello solare per produrre energia, usano detersivi ecologici, piatti e posate sono in materiale compostabile.

Questa canzone è per voi, ragazzi.
(Track: Just your friends, Mink Deville
https://open.spotify.com/track/0zMmvmPBgRSDEKGyyTTeMd?si=PiTYViroT9Si1odsXaIRsA)

Scendiamo a valle, sciando finché lo permette l’innevamento a macchie di leopardo, poi a piedi fuori dal bosco, fino in paese. È andata. Ci aspetta il sublime piacere di sfilare gli scarponi e la delizia di una birra ghiacciata. Brindiamo al Dio Delle Piccole Cose, che ci ha regalato la Giornata Perfetta. 
(Track: Del tempo che passa la felicità, Motta

Si avvicina “l’ora che volge il disio ai navicanti”, ora di riprendere la strada di casa. Salutarsi è un po’ più difficile del solito. O forse sono io a essere diverso, oggi. Non so. Siamo tutti piccoli battelli ebbri, in fondo, non vediamo l’ora di spezzare gli ormeggi e lasciare le rotte abituali, di quando in quando. Tenere vive e ardenti le “inutili” passioni: è l’unica cosa che ci fa vivere. La saggezza ci fa semplicemente durare.

È stato un onore e una gioia “suonare” con voi, oggi. Siete un gruppo fantastico. Grazie a tutti, ma proprio tutti. Anche quelli di cui non ricordo mai il nome. Ma tra buoni compagni di viaggio ci perdoniamo questi dettagli. Ai nomi penseremo la prossima volta.

Un grazie speciale a Francesca e Dario: sono la ragione per cui sto scrivendo queste righe, che vado a terminare, ringraziando infine chi è arrivato fin qui a leggerle. Spero di non aver tediato troppo. Apposta ho aggiunto le musiche. E questo è tutto.

(Track: Can’t find my way home, Blind Faith

“We few, we happy few, we band of brothers”.

Andrea O.

….e le foto della gita? eccole qui di seguito >>>

G7.10

6.a uscita, 30-31/03/19: rif. degli Angeli + Rutor

Sudore, sole, caldo, stelle, freddo, neve, salire, scendere, mangiare, bere, albe, tramonti, sorridere, soffrire, parole, insegnamenti, amicizie, sentirsi vivi. Grazie Rutor! Davide L.

Aumentano difficoltà e soddisfazioni, aumenta il ritmo del respiro e la bucolica bellezza dei panorami. L’unico rimpianto è di non aver avuto occhi sufficientemente grandi per poter catturare tutto ciò in cui ci siamo immersi, e poter rivedere ora, fotogrammo per fotogrammo volti, sorrisi, sensazioni e paesaggi, splendore di ciò che sto imparando con voi. E’ un peccato perché è ciò mi manca in questo momento.
Comunque sono pronto, ho rifatto il pieno, quando torniamo? Mauro P.

Cosa mi è piaciuto: l’ambiente montano severo e attraente; il supporto degli istruttori; la cena di sabato sera seduto al tavolo con persone che non conoscevo prima, parlando delle nostre piccole grandi passioni; la discesa, che per me è la parte più bella della gita(insieme alla merenda)lunga e su bei pendii.

Cosa mi è piaciuto di meno: ho fatto troppa fatica negli ultimi tratti delle due salite; l’ultimo pezzo di discesa a piedi per arrivare in paese.

Giudizio complessivo: sono rimasto molto contento;  Machrider

In merito al rifugio: sono stati davvero carini. È la prima volta che vado in un rifugio gestito da volontari di questo tipo…  Forse c’è un pizzico in più di improvvisazione, ma ampiamente compensato dalla cortesia, senza considerare il fine caritatevole degli introiti.
Ottima scelta! Cavùr

Due giorni che valgono una vacanza, questo quello che pensavo mentre, sci sullo zaino, camminavo giù per il bosco. Fatica e sudore e determinazione nel raggiungere quel passo in più, l’esperienza di tante cose nuove imparate, allegria complicità e armonia, bella gente, tante bellissime immagini da cartolina quello che rimarrà di questi fantastici due giorni.

PS: siete un gruppo davvero fantastico! Grazie davvero di cuore per questo bellissimo percorso fatto assieme, dove ci avete guidato e supportato passo per passo e mi avete permesso di realizzare un sogno!!! Enrico V.

Se qualche pigro allievo dalla scarsa attitudine atletica si fosse chiesto, mentre cuoceva a bassa temperatura risalendo verso l’accogliente rifugio degli Angeli, si fosse chiesto, dicevo, “Ma chi me lo ha fatto fare?”, ebbene, egli avrebbe trovato la risposta il giorno successivo, vedendo emergere dal pannosissimo ghiacciaio del Rutor il massiccio del Bianco e tutta l’allegra combriccola di celebri montagnole della zona, che non staremo qui a citare.

Poi, l’infantile eccitazione derivata dalla plastica discesa nella pannositá poc’anzi citata gli avrebbe fatto persino dimenticare la domanda. E non sarebbero certo stati i doloranti polpacci, nei giorni successivi, a indurlo al pentimento e a smorzare il suo entusiasmo.
Figurarsi che bellezza per noi veri duri.  Riccardo R.

Dal Rutor non si vede il mare.
Se il cielo è terso, e questo fine settimana lo era, dalla cima del Rutor (a 3486 m s.l.m.) la vista è incredibile.
Ma no, non si vede il mare.
Si vede il Monte Bianco, con le sue lingue glaciali infinite e i suoi seracchi, si vedono il Mont Maudit e il Mont Blanc du Tacul, si vedono le Aguille du Diable, le paurose creste dell’innominata e la cresta Kuffner, si vede l’Aguille Noire e l’Aguille Verte, si vedono i satelliti e il magico Grand Capucin, si vedono le Aguille d’Entreves e i Flambeaux, il Dente del Gigante, la cresta di Rochefort e la parete est delle Grand Jorasses. Si vedono vari 4000 della Svizzera dai nomi impronunciabili ma che senza dubbio terminano con -horn, si vede il Gran Combin, il Cervino i Breithorn i Lyskamm e tutte le vette del Monte Rosa, si vede anche la nord del Gran Paradiso.
Certo non si vede il mare.  Ma qualcuno lo voleva vedere? LDN

Che dire…….forse la mia prima vera gita completa di sci alpinismo……splendido! Un non ottimale stato di forma e l’esposizione di alcuni passaggi ai quali non sono troppo abituato hanno fatto sì che abbia avuto bisogno di un aiuto ed ecco prontissimi gli istruttori e i compagni, chi con una parola in più chi con una bomba energetica e chi, come il diretur, con un pusun…….grazie a tutti per l’ottima compagnia e la bellissima esperienza! Fabrizio Z.

Siamo una squadra fortissima.
Aggrediamo le montagne come le stufe in muratura, ci arrostiamo al sole e dormiamo al freddo ma, soprattutto, passiamo dalle barrette energetiche alle acciughe di Mauro senza la minima vergogna!!!
Marco C.

Punto di vista della retroguardia. In fondo al gruppo. Ben distanziati. Che vocazione! Ci siamo nati. Non è per caso, né costrizione, che manteniamo la posizione. Non esploriamo. Niente ambizione. Tanto ci basta, che al nostro passaggio tranquillizzato si ritrovi il paesaggio.
Siamo partiti piuttosto male. Per distrazione. Troppo veloci. In mezzo al gruppo è innaturale. Non ci troviamo. Tornare in fondo l’aspirazione. E’ senza sforzo che ci riusciamo.
Secondo giorno. Rivoluzione. Colpo di mano in diagonale. Quale riscatto di condizione. Ci ritroviamo davanti a un passo. Quegli altri allocchi tanto più in basso.
Questa è avanguardia, e non adeguati, dobbiamo ammettere che siamo bloccati. L’iniziativa fa presto a mancare, e ci dobbiamo consegnare. Dal direttore invochiamo clemenza. Sia moderata la penitenza! Tutt’altra storia. Disciplina mai vista. Siamo costretti a far d’apripista. R.G.

Ciao  Dario, ma che spettacolo, mi scopro incredulo nel riguardare le foto che ho fatto sabato e domenica, che posti, che esperienza, mi spiace non averti/avervi conosciuto una decina di anni fa….  Ho perso un sacco di tempo. Visto che è inutile piangere sul latte ecc, tornando al presente, ho scoperto una dimensione magica. Sono senza parole….
Vi ringrazio davvero, siete una grande squadra! M.P.

Questa gita è stata il massimo: percorso emozionante, valli immacolate, salite impervie, attraversamento ghiacciai, passaggi tecnici e vedute meravigliose.  Una sensazione di leggerezza e di libertà mai provata prima.
Grazie a tutti gli istruttori per averci portato – in massima sicurezza – così in alto! F.B.

Grazie ancora per la meravigliosa uscita di due giorni! Andrea B.

….ed ora vai allo slide show del magnifico week end…

G6.005