Storia Ugetina -2

1931 – 2021: un anniversario importante per l’UGET
Testo di Pier Felice Bertone.

Nell’agosto 1931, novant’anni fa, l’UGET divenne Sezione del Club Alpino Italiano. Ripercorriamo insieme le tappe che hanno preceduto questo evento.

Come noto la Unione Giovani Alpinisti Torinesi (UGET) nasce a Torino nel marzo 1913 come libera associazione. Sono numerose le associazioni che, insieme al CAI ormai cinquantenne, organizzano chi è interessato alla frequentazione della montagna. Ma, negli anni ’20, in Italia prende il potere il regime fascista che non può tollerare l’esistenza di associazioni libere che agiscono fuori del controllo delle gerarchie. Nasce così l’Opera Nazionale Dopolavoro (OND) cui devono aderire tutte le associazioni. Per quanto concerne le attività in montagna l’OND intende raggruppare le varie associazioni in due grandi contenitori, a seconda dell’attività svolta: il Club Alpino Italiano (cui sarà cambiata la denominazione in Centro Alpinistico Italiano) e la Federazione Italiana Escursionismo. La confusione che ne nasce è molto grande e inoltre viene dato per scontato che le associazioni che entrano nel CAI vi entrino come sottosezioni della locale sezione CAI già esistente. La posizione dell’UGET emerge chiarissima dall’intervista concessa dal presidente Soardi a “Lo Scarpone” riprodotta qui a lato. Le opposizioni sono forti (La Stampa in particolare) ma alla fine, agosto 1921, l’UGET ne esce “sezione” con la denominazione “Club Alpino Italiano – Sezione UGET Torino”.

L’11 agosto 1931 Manaresi, presidente generale del CAI, con una lettera a Soardi gli comunica la nomina a consigliere centrale del CAI.