Intervista con Manolo

Il “Pomeriggio col Mago”
Testo di Giovanna Bonfante. Foto Archivio Manolo e Ilaria Truffo.

Per chiunque abbia una pur vaga conoscenza del mondo dell’arrampicata, il nome di Manolo, al secolo Maurizio Zanolla, classe 1958, evoca nella mente immagini al limite dell’impossibile, su pareti verticali, lisce quanto una lavagna. Non a molti magari è noto il fatto che il “Mago” abbia recentemente compiuto un’altra notevole impresa, rappresentata dalla scrittura di un libro in cui racconta la sua  intera e avventurosa esistenza. Da uomo di montagna, semplice e un po’ schivo, alle interviste ufficiali che seguono le numerose presentazioni del libro, Manolo preferisce le chiacchierate informali, fra un autografo e una dedica, mentre si sorseggia una birra, come tra amici, in un soleggiato pomeriggio estivo.

Leggi tutto “Intervista con Manolo”

Potranno i boschi trentini ripartire dopo Vaia?

L’anniversario della tempesta che ha colpito il Nord-Est.
Testo di Bianca Compagnoni. Foto di Paola Graziadei.

Innanzitutto, vi domanderete che cos’è Vaia: i Trentini hanno chiamato così il catastrofico evento di fine ottobre 2018 che ha danneggiato disastrosamente i boschi del Trentino-Alto Adige e di parte del Veneto e da cui cercano di uscire con tutte le loro forze. Leggi tutto “Potranno i boschi trentini ripartire dopo Vaia?”

Bivacco Soardi-Fassero 1297, da Forno Alpi Graie 1219, Val Grande di Lanzo

Testo di Michele D’Amico

Erano anni che volevo andare nel Vallone di Sea e al Bivacco Soardi, ottima occasione la gita sociale. Gita TAM quindi; scopro poi che c’è anche la nostra Commissione Gite, e il CAI Torino, e tante altre sezioni del circondario. Leggi tutto “Bivacco Soardi-Fassero 1297, da Forno Alpi Graie 1219, Val Grande di Lanzo”

Aggiornamento degli istruttori della “Scuola A. Grosso”

Quando gli istruttori “studiano”

Testo di Amedeo Giobbio – Foto Archivio Scuola Grosso

Sveglia alle 4.15 del sabato, appuntamento alle 5.15, lezioni che durano ore, caldo asfissiante e un’altra sveglia alle 3.45 di domenica… Sicuramente, raccontato in questi termini, può sembrare un weekend terribile; ma, se si aggiunge a questa descrizione asettica la visione del monte Bianco in tutto il suo splendore, un gruppo di alpinisti entusiasti e ottimi insegnanti, si può ottenere un quadro decisamente migliore!



Leggi tutto “Aggiornamento degli istruttori della “Scuola A. Grosso””

Altri tempi: 50 anni fa, un 6000 in “sociale”

Come eravamo – Altri tempi: 50 anni fa, un 6000 in “sociale”

Testo di Marziano Di Maio. Foto Archivio Di Maio

Mezzo secolo fa si è vissuta la felice ma breve stagione delle spedizioni sociali ugetine (un tempo le salite su montagne extraeuropee erano “spedizioni”). Concepite dalla mente avventurosa e precorritrice di Beppe Tenti e con il supporto dell’allora presidente Lino Andreotti e di Alberto Risso, sono iniziate nel 1967 con il Kilimangiaro e continuate negli anni seguenti con i tre alti vulcani del Messico, con il Deo Tibba, in Himalaya, l’Illimani (Ande), il campo base del Lirung (Nepal) e l’Hindukush afgano.
Erano altri tempi, per esempio oggi non sarebbe più possibile a un gruppo di 49 persone pernottare a Nairobi in tenda in un giardino pubblico del centro, né sarebbe facile portarne 24 su 24 (e quasi tutti più escursionisti che alpinisti) in cima a un 6000 himalaiano. Leggi tutto “Altri tempi: 50 anni fa, un 6000 in “sociale””

Alpinista e “gretino”?

Pensieri ad alta voce proposti a chi ha tempo e voglia di leggerli,
immaginando un futuro sulla base delle evoluzioni ambientali

Testo di Beppe Gavazza

C’è bisogno di una (e da un po’ anche più di una) adolescente che “marina” la scuola con la scusa di protestare contro il suo (e ora anche contro gli altri) Governo che non si muove abbastanza per garantirle un futuro vivibile?
Vivibile sia sul piano economico, ma soprattutto ambientale? Specialmente i frequentatori della montagna hanno proprio bisogno che qualcuno metta sotto il naso ciò che è evidente? Leggi tutto “Alpinista e “gretino”?”

Riflessioni

Auguri Carlo!
Riflessioni Testo di Carlo Cervetti. Foto di Stefano Regis

Quest’anno compio 80 anni e mi ero prefissato di festeggiare compiendo una salita importante. In questa mia idea c’era grande buona volontà ma anche una certa presunzione. Nel programma di allenamento era compresa una gita ad un 4000 per testare la quota. Proprio questa gita è servita a farmi capire che forse era il caso di ripensarci. A parte questo mio problema vorrei congratularmi con chi ha proposto questa gita, chi l’ha preparata, con i capigita e tutti i capicordata. Mi rendo conto che portare tutte le cordate in vetta con la neve in quelle condizioni già alla partenza è stata un’impresa. Complimenti!
Un particolare ringraziamento a Stefano e Valeria che mi hanno supportato in salita e discesa. Buon proseguimento di stagione a tutti.
Viva la Commissione Gite.
Un anziano ex capogita

Il cielo autunnale

Guardare in alto
Il cielo autunnale
Testo di Rosa Maria Mistretta (www.lascuoladelsapere.com) – Fotowikibooks.org
La variabilità delle condizioni meteorologiche in autunno trovano un cielo notturno poco adatto all’osservazione. Inoltre, chi inizia a riconoscere le costellazioni in questo periodo dell’anno ha a disposizione un cielo relativamente povero di stelle appariscenti.
Leggi tutto “Il cielo autunnale”

Il pastore di stambecchi

Storia di una vita fuori traccia
Il pastore di stambecchi

Tante cose ho visto: quel che ho potuto l’ho imparato o per lo meno cercato di capirlo. Ho visto i forcelli darsi battaglia sulla neve e la pernice sciare sulle sue zampe fatte per il freddo; ho visto l’aquila portare via una marmotta e ho imparato che in vecchiaia le tocca morire di fame perché l’uncino, crescendo, le impedisce di aprire il becco. Ho visto tornare il lupo e il gipeto, il ghiacciaio ritirarsi e il bosco avanzare; ho visto campi della valle abbandonati e le case vecchie crollare e quelle nuove riempirsi e vuotarsi di gente che ritorna, ma non resta. Ho visto amici e colleghi andarsene, uno dopo l’altro, portati via dalla vecchiaia, dalla solitudine o dalla malattia.
Mi sono mancate molte cose, ma quello che manca a molti è quel qualcosa che viene dopo che hai condiviso con i selvatici la stessa terra, aria e cielo per una vita intera.
Leggi tutto “Il pastore di stambecchi”