Arrampicata e allenamento

La nascita della Palestra indoor al Palazzo a Vela di Torino.
Testo di Andrea Giorda Caai – Alpine Club UK. Foto archivio Giorda.

È possibile praticare uno sport senza un allenamento specifico? Se lo chiedete ad un ragazzo che inizia ad arrampicare oggi, vi dirà che è impossibile scalare senza allenarsi su prese di resina o su un trave, eppure fino a pochi decenni fa l’idea che l’arrampicata fosse uno sport e avesse bisogno di un allenamento specifico era quasi un’eresia. Il tutto parte dalla grande domanda se l’alpinismo sia uno sport o qualcosa d’altro.

Leggi tutto “Arrampicata e allenamento”

Gita a Lavagna

La prima gita al mare.
Testo di Michele D’Amico.

Lungo i sentieri che collegavano le cave di ardesia dell’entroterra al mare. Partenza ed arrivo da Lavagna quota mare – Monte San Giacomo 547 m. Partenza: Lavagna (GE), 6 m – Arrivo: San Salvatore di Cogorno (GE), 38 m – Quota massima: Monte San Giacomo 547 m – Dislivello totale: circa 540 m – Durata complessiva: ore 5,00 (soste escluse) – Difficoltà: E.

Leggi tutto “Gita a Lavagna”

Una pagina di memoria

Tratto da UN ALPINISMO IRRIPETIBILE
Una pagina di memoriadi Emanuele Cassarà – 1970.

Messner, le origini di una leggenda
È l’anno della più grande impresa alpinistica di Reinhold Messner. Parto per Innsbruck dove Reinhold è ricoverato per congelamenti ai piedi. Pubblico in una intera pagina il resoconto della leggendaria tragica scalata: le parole di Messner, il diario della vittoria e del calvario suo e di suo fratello Gunther. Dopo quell’impresa e quella pagina (27 luglio), Reinhold diviene il più popolare e ricercato alpinista d’Italia (e poi del mondo). Sino ad allora era uno sconosciuto. Io stesso l’avevo citato rare volte nella mia settimanale rubrica.
Eccone uno stralcio. dal nostro inviato a lnnsbruck :

Leggi tutto “Una pagina di memoria”

Sweet Mountains, la rete del turismo dolce

Testo e foto di Enrico Camanni.


L’aveva già capito l’abbé Amé Gorret alla fine dell’Ottocento: «Nessuno va in montagna per ritrovare la città che ha appena lasciato». Eppure, a oltre un secolo di distanza, sembra che il paradigma del turismo montano sia ancora legato agli impianti, ai motori e alle seconde case, a dispetto della Convenzione delle Alpi, del grido di Greta Thunberg e di qualunque altra forma di rispetto per le generazioni che verranno. Il modello novecentesco del turismo di massa è ormai insostenibile dal punto di vista ambientale ed economico.

Leggi tutto “Sweet Mountains, la rete del turismo dolce”

Isoipse

Elogio alla normalità Testo di Emilio Botto
Aperta una pianta cartografica e trovato il punto di partenza A (ad esempio il rifugio Savoia presso i laghi del Nivolet in Valsavarenche) e la meta che si vuole raggiungere B (ad esempio il monte Taou Blanc), tracciando una linea retta dal punto A al punto B oltre a poter calcolare l’azimut della meta della escursione si può ottenere l’informazione della distanza aerea fra le due località. Per effettuare questo secondo conteggio è necessario tenere in considerazione la scala della cartina.

Leggi tutto “Isoipse”