Una montagna di foto

La vincitrice:

Maela Gaggero con “l’arrembaggio”

Testo di Enrico Muraro.

L’8 agosto 1786 la prima ascensione sul Monte Bianco segna la nascita dell’alpinismo. La montagna non è più solo un ostacolo da aggirare, ma un luogo da esplorare e raccontare. Quarant’anni dopo vede la luce la prima fotografia, realizzata da Nicéphore Niépce, un nuovo strumento di documentazione ed espressione inizia a prendere forma. L’esplorazione e la frequentazione della montagna nascono quasi in contemporanea alla fotografia e si crea da subito un legame indissolubile. A partire dalla seconda metà dell’ottocento Vittorio Sella documenterà, con grande perizia, luoghi e spedizioni montane racchiudendo nelle sue immagini anche l’emozione di quei momenti. Ansel Adams ci farà innamorare della vastità dei parchi montani statunitensi. Walter Bonatti, oltre ad essere stato uno dei più grandi alpinisti della storia, fu un ottimo fotografo: con le immagini documentò le avventure dei suoi viaggi.

Paesaggi alpini, gente di montagna, imprese alpinistiche, luoghi e momenti: migliaia di immagini che sfilano sotto i nostri occhi, che ci emozionano e che documentano un paesaggio che amiamo e che sta cambiando in modo drammatico, come ben testimoniano i confronti fotografici tra le foto dei ghiacciai scattate dai primi pionieri e le immagini recenti. Le fotografie che quotidianamente passano sotto ai nostri occhi hanno formato la nostra cultura visiva, con un esercizio quotidiano che facciamo senza rendercene conto, ossia quello di “leggere” le foto. Oltre a leggere scriviamo anche immagini: raccontano le nostre storie, i luoghi e le emozioni; fotografie che saranno la nostra traccia per le generazioni future. Da queste riflessioni, dalla bellezza di soffermarsi a rileggere quanto “fotograficamente scritto” per lasciare il nostro personale messaggio, è nata l’idea del concorso fotografico UGET “Una montagna di foto”. Gli autori che hanno partecipato sono stati all’altezza di questo compito.

Guardiamo le loro fotografie immaginando come le vedranno nel futuro. Di seguito una selezione delle prime venti foto classificate, che potrete ammirare sul sito e anche “dal vero”, esposte nella nostra sede.

Concorso fotografico Cai Uget 2020
Classifica generale – Autore – Titolo (i primi 20)

Classifica generale:

1 Gaggero Maela “Arrembaggio”
2 Dugono Dario “La traccia è arte”
3 Campadello Maurizio “Raggi di luce”
4 Campadello Maurizio “Portatori”
5 Campadello Maurizio “Dopo il temporale”
6 Dugono Dario “Uscita SSA Valle d’Aosta”
7 Campadello Maurizio “Machhapuchare”
8 Dugono Dario “Architettura lignea in Norvegia”
9 Garelli Carlo “Sifone”
10 Campadello Maurizio “Verso il cielo”
11 Gagna Roberto “Nepal 2019 2 Annapurna Base Camp”
11 Ienari Milena “Donne in vetta”
12 Campadello Maurizio “In ricordo di un amico”
13 Spanu Andrea “Gita TAM, bufera al Rifugio Mongioie, Val Tanaro”
14 Campadello Maurizio “In cammino”
14 Morello Valeria “Insieme senza frontiere”
15 Campadello Maurizio “Annapurna Parete Sud”
16 Graziano Mario “Paesaggio montano e flora – Valle Stretta, Col des Thures panorama fiorito e lago”
17 Ienari Milena “Cielo in quota”
18 Campadello Maurizio “Daulaghiri”
19 Campadello Maurizio “Luci nella notte”
20 Ienari Milena “Compagno di cordata”
20 Campadello Maurizio “Scende la notte”

Hanno inoltre partecipato: Graziano Mario, Corrà Lorena, Zuccarello Mimmo, Tricella Emanuela

Tutte le foto