Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.caiuget.it/home/gsa/wp-includes/post-template.php on line 284

Il vallone misterioso degli amici biricchini

Cima del Pelvo !

Ma quante ce ne sono? Beh, se la voce “pelvo” deriva da un termine celtico che significa pressappoco “montagna a forma di piramide dai fianchi ripidi” è normale che di Pelvi ce ne siano tanti.

Anche la Val di Susa ha il suo Pelvo.

D’estate vi sale qualcuno dalla Valle del Thuras, ma sono pochi e una parte di questi è attratta più dalle infiorescenze di genepy dei suoi versanti che dalla piccola croce della vetta.

Ed ancor meno sono quelli che vi salgono con gli sci, troppo spostamento pensano quasi tutti, anche se non è poi così vero.

E sull’altro versante c’è la Valle Argentera.

Nei pressi di Troncea c’è un cartello che ne indica la direzione ma sopra la testa si vedono solo delle bellissime cascate ed una pineta ripida e poco invitante.

Ma se si segue per una mezz’oretta la traccia del sentiero, quasi improvvisamente il rumore della cascata si attenua e si sbuca in un vallone stretto e un po’ misterioso che a fine Maggio è pieno dei residui delle grandi valanghe.

E sembra che vi si possa salire.

Orfeo è uno dei pochi che hanno le chiavi di questo vallone.

Ed in questi giorni ne ha aperto le porte ad un gruppo di amici del nostro GSA e li ha guidati a coglierne una delle perle preziose: guarda caso la Cima del Pelvo 3266m.

Infatti dopo qualche centinaio di metri il canale si allarga e si perde in una serie di splendidi pendii, ripidi, ma che sembrano disegnati apposta per lo sci-alpinismo “moderno”.

Raggiunta la croce della punta è difficile non essere attratti dagli altri tanti pendii che appaiono tutt’intorno.

E dopo mille metri di discesa entusiasmante è ancora il fragore intenso delle cascate che accompagna gli ultimi passi sul sentierino in una esplosione di verde lussureggiante.

Penso proprio che questo 2 Giugno 2010 i nostri amici abbiano passato una giornata entusiasmante!

E speriamo che Orfeo si sia ricordato di girare la chiave, uscendo dal vallone, perché lassù ci sono, nascoste, altre perle che devono essere custodite e magari colte prima o poi con gli amici biricchini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cai Uget