C’è un fantasma alla Tesoriera !!!

La prima volta me ne ha parlato Roberta.
Beh, lei nella casetta nell’angolo del Parco ci lavora, quindi ci vive e ci è di casa.
Lei dice che non l’ha mai visto, ma quando lo dice ti guarda in modo un po’ sfuggente, come se celasse qualcosa: come se avesse un segreto nascosto.

Quando il Comune di Torino ci ha assegnato i locali della nuova Sede non ne ha fatto menzione, forse perché è un essere poco invadente e sapevano che non avrebbe dato fastidio.

La Villa della Tesoriera, al centro del Parco nel quale si trova da quest’anno la nostra Sede, fu edificata intorno al 1715 come dimora per Aymo Ferrero, tesoriere di Vittorio Amedeo II e della sua seconda moglie, Clara Teresa Gay, la «Tesoriera», appena 23enne.

Già allora chi si occupava di finanza aveva evidentemente qualche privilegio!

Fu però qualche decennio dopo che iniziarono le apparizioni: un cavaliere solitario avvolto in un mantello nero bordato di rosso usciva dalla villa nella notte e vagava per la campagna circostante.

Il Parco della Villa venne ben presto chiamato Giardin dël Diav.

Ma, a dispetto di questo appellativo, tutti concordano che si tratta di un fantasma gentile e bonario che cerca di non far sentire la sua presenza.

Qualcuno pensa che sia lo spirito del vecchio Aymo ma i più ritengono si tratti di lei, la bellissima Clara Teresa.

Ora se capita di chiudere la sede la sera tardi, quando non c’è più nessuno in giro, è istintivo buttare lo sguardo fra gli alberi del Parco per vedere se è lui o non un filo d’aria che fa muovere le fronde e mettendo il lucchetto alla catena del cancello ci si sente un po’ nei panni di un secondino senza cuore.

E allora perché non lo liberiamo noi del GSA?

Qui ci vuole la collaborazione dei Capogita e di Luigi: appena un giovane aitante o una bellissima fanciulla chiedono di iscriversi alla Gita o al Gruppo e cercano di pagare la quota in vecchi scudi, l’abbiamo trovato: è lui !

Dato che sarà pure un Cavaliere abile nel galoppo ma difficilmente avrà qualche nozione di Sci Alpinismo, sappiamo cosa fare: se è un giovane aitante lo mandiamo a fare il Corso alla Scuola, se invece si tratta di una bellissima fanciulla la teniamo con noi tanto ci sarà sicuramente qualcuno che scia peggio e tanti disposti a darle una mano!

E magari prima o poi la affianchiamo a Luigi e così tornerà a ricoprire il suo vecchio ruolo: quello de “La Tesoriera”.

E Roberta?
Beh anche a Roberta non dispiacerà: quando durante le corse sfrenate nel parco passerà sotto il suo ufficio non scapperà subito via come prima, ma si fermerà un attimo a scambiare due ricordi sull’ultima bellissima gita!

Ma, a noi, lei continuerà probabilmente a dire che non l’ha mai visto!

guidox

30 Dicembre 2011: una giornata bruttissima,anzi, bellissima!

Un po’ tutte le previsioni Meteo ci avevano preavvisato, ma un lumicino di speranza che, per una volta, prendessero una cantonata la serbavamo un po’ tutti.

Il lumicino si è molto affievolito quando alle 9 ci siamo contati, in ben 35, nonostante il giorno feriale, e il dubbio era se fosse più fastidioso il vento gelido che spazzava la piazza di Oulx o il nevischio che si appiccicava ovunque o più probabilmente i due messi insieme.

Roberta ha deciso che fra bar di Oulx e capannelli in piazza c’eravamo tutti e in breve ci siamo portati nel piazzale dei vecchi impianti del Genevris, quasi riservato per noi, dove il vento sembrava un po’ attutito ma in compenso nevicava un po’ più forte.

La gita? Non c’è molto da raccontare.
Una tranquilla passeggiata di 800m di dislivello nei boschi di Sauze con tanta allegria a dispetto della visibilità scarsissima e del vento che aumentava man mano che si saliva fino a diventare quasi tormenta.

Con il suono di sottofondo di tanti discorsi che si incrociavano complice, oggi, anche il ritmo non certo forsennato.

E poi una discesa divertente in una serie di valloncelli dove ognuno ha trovato qualche tratto intonso che ha fatto diventare suo.

Tolti gli scarponi e messe ad asciugare le giacche a vento, ci si è trovati ben presto in 45 (misteri della matematica) nella bella piola di Deveys dove si è subito capito che la fame del dopo-gita è indipendente dalla lunghezza della gita.

E così, con le specialità di Salvatore, ci siamo ricalati senza difficoltà nel clima festoso delle tavolate di fine anno, con solo un paio di brevi interruzioni per lanciare un grande augurio e saluto ai nostri due Presidenti, Aldo e Roberto, e con loro a tutti gli altri amici che per ragioni diverse oggi non hanno potuto essere della partita.

In chiusura del pranzo Ceci ha proposto a ciascuno di scrivere due parole sull’anno che se ne sta andando ed è riuscita a riempire diverse strisce di pensieri che, complici anche i numerosi pintoni di rosso e di bianco che nel frattempo erano evaporati, spaziavano su soggetti molto vari toccando anche l’attualità e il boccaccesco.

Ma rileggendoli quel che se ne trae complessivamente è la gioia di far parte di un gruppo con il quale si fanno delle cose belle ma soprattutto con il quale si sta bene.

E allora l’augurio più grosso va al GSA e così di rimando anche a tutti noi.

W il GSA e W il 2012.

Si alza il sipario e appare il Moncrons!

Quelle burlone delle due Capogita volevano svelarlo solo all’arrivo in punta, ma siamo riusciti a strappare il segreto sulla Gita Sociale di Fine Anno del 30 Dicembre !

Si alza quindi il sipario sulla gita a sorpresa.

Venerdì 30 Dicembre 2011

Punta Moncrons 2500m

Pochi lo sanno, ma nella “Cômba Misteriôsa” di Sauze è conservato l’ultimo lembo di farina intonsa della Val Susa: avremo il coraggio di violarlo?
Lo scopriremo insieme!

Partenza da Gran Villard 1500m
Dislivello: 1000m

E per cominciare bene il Nuovo Anno completeremo la giornata con una

Merenda Sinoira

a Deveys (Salbertrand) nella locanda

Il Gigante e la Gallina

Il costo è previsto intorno ai 18 Euro.

Per chi parte da Torino è fissato il

Ritrovo ore 8.00 al Parcheggio di Almese (Avigliana Ovest)

E’ poi fissato un secondo ritrovo, con chi si trova direttamente in Valle,

Ore 8.45-9.00 a Oulx – Piazza Garambois

(Piazza del Mercato presso lo strano monumento a colori)

I capogita sono Cecilia Torelli, Roberta Balma Mion, Luigi Spina e per gli ultimi contatti potete chiamare Cecilia o Roberta:

roberta.balmamion@libero.it – tel. 346.6349039

benvasia@libero.it – tel. 349.4050922

E’ un po’ strano a dirsi ma, a Venerdì!

Fine Anno a sorpresa !

Quest’ anno il calendario ci ha fatto lo scherzetto di mettere il week-end di fine anno a cavallo fra il 31 Dicembre e il 1° Gennaio.

E dato che, neve o non neve, quelli sono giorni dedicati ai ritrovi famigliari si è deciso di anticipare la tradizionale Gita di Fine Anno al Venerdì.

E’ vero che è un giorno feriale, ma a fine anno tutti hanno un giorno di ferie residuo nel cassettino e i pensionati, beh, loro troveranno il tempo …

Venerdì 30 Dicembre 2011


GITA DI FINE ANNO


IN ALTA VALSUSA

Capogita: Roberta Balma Mion, Cecilia Torelli, Luigi Spina

Come è tradizione sarà una gita a sorpresa e quindi la meta sarà svelata solo pochi minuti prima di … raggiungere la punta.

Si tratterà comunque di un itinerario facile, bellissimo e con un dislivello non superiore al migliaio di metri che percorreremo a ritmo di gita di Capodanno.

E per finire bene l’ anno completeremo la giornata con una

Merenda Sinoira

a Deveys (Salbertrand) nella locanda

Il Gigante e la Gallina

Il costo è previsto intorno ai 18 Euro.

Per chi parte da Torino è fissato il

Ritrovo ore 8.00 al Parcheggio di Almese (Avigliana Ovest)

E’ poi fissato un secondo ritrovo, con chi è già in Valle, intorno alle ore 9.00 in una località che verrà precisata i giorni precedenti la Gita.

Per qualsiasi ulteriore ragguaglio, ma sopratutto per dare le vostre adesioni e consentire quindi una efficace prenotazione del dopo-gita, Vi invitiamo a contattare al più presto Cecilia o Roberta:

roberta.balmamion@libero.it – tel. 346.6349039

benvasia@libero.it – tel. 349.4050922

Buone Feste a tutti

Cai Uget