Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.caiuget.it/home/gsa/wp-includes/post-template.php on line 284

16 gennaio 2010
la Gardiole

Oggi abbiamo trovato neve bellissima, tempo e visibilità ottimi e durante la salita i primi hanno pazientemente aspettato gli ultimi con frequenti soste!

E alla fine della discesa il “banchetto” è iniziato solo dopo l’arrivo del gruppo di chiusura!

Ma partiamo dall’inizio.

In questo periodo di instabilità meteo, dopo aver soppesato i dati di Meteo France, è stato con rammarico che si è deciso di anticipare la Gita Sociale a la Gardiole a Sabato 16 gennaio ben sapendo che la collocazione pre-festiva avrebbe penalizzato molti soci.

Ci siamo quindi ritrovati “solo” in una quarantina, “solo” rispetto ai ben 72 amici che avevano aderito alla gita originale e che per tante ragioni hanno dovuto rinunciare: speriamo di avere più fortuna per le prossime domeniche!

Ciò detto, anche se Pinocchio non ha detto proprio la verità, la gita è andata piuttosto bene!

La neve iniziava a poche decine di metri dal pulmann sulla strada del Col de Granon che abbiamo percorso sci ai piedi per un buon tratto rispettando scrupolosamente limiti e divieti.

E nei pendii superiori la quantità di neve, minore che sul versante Italiano, ha consentito di tracciare un percorso sicuro che ha portato in punta la maggior parte dei partecipanti.

Discesa senza problemi, ancorchè non entusiasmante, e finale come sempre gioioso intorno al tavolino imbandito: un’ottima torta pasqualina, le acciughe e i pomodori sott’olio di Ceci’s mother, i dolcetti made in Tala, torte e crostate al cioccolato hanno fatto dimenticare in fretta la crosta della gita.

E durante il ritorno la nostra Ceci ha impugnato il microfono, ha scoperto il tasto “on”, ha consegnato gli omaggi ai guru Bruno ed Orfeo (che l’ha preso al volo a Cesana) e poi si è lanciata nelle sue fantasiose elucubrazioni.

E, fra ironia e risate, ci ha fatto anche meditare sul fatto che, con qualche sosta in salita e con un po’ di pazienza nell’aspettare gli ultimi prima di aprire il “tavolino” le gite non funzionerebbero meno bene.

Alla prossima, anche con Lorenzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cai Uget